21.1 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

Innovazione – Assisi ‘migra’ verso il software libero Pettirossi, “Anche le pubbliche amministrazioni luogo di innovazione. Entro breve cambieremo il gestionale del Comune”.

31 gennaio ’17 – I 200 computer del Comune di Assisi presto ‘migreranno’ al software libero e open source: l’amministrazione comunale ha deciso, infatti, di iniziare un percorso in tale direzione che ha il molteplice scopo di ridurre la spesa della macchina comunale, destinare risorse che verranno risparmiate per la formazione dei dipendenti e per i servizi rivolti alla cittadinanza e al territorio e migliorare il servizio agli utenti interni ed esterni dell’ente. Nel pomeriggio odierno (martedì), nella sala della Conciliazione del Comune è stata presentata ufficialmente alla stampa l’adozione di questo sistema alla presenza dell’assessore comunale con delega a Innovazione e Samrt City, Simone Pettirossi affiancato dal Generale Camillo Sileo, Vice Capo Reparto VI Reparto Sistemi C4I e Trasformazione Stato Maggiore  della Difesa e coordinatore della migrazione a LibreOffice della Difesa Italiana, Andrea Castellani del progetto LibreUmbria, Sonia Montegiove, presidente dell’associazione LibreItalia onlus che ha supportato la migrazione a software libero di diverse realtà, tra le quali proprio la Difesa Italiana. “Il cambiamento, l’innovazione, l’apertura e la trasparenza sono per la nostra Amministrazione comunale  una priorità. Con l’adozione di questo progetto si vuole dimostrare che anche le pubbliche amministrazioni possono diventare luogo di innovazione – ha detto Pettirossi -. Questo che presentiamo oggi è solo il primo passo verso l’adozione che prevede un incontro con i dirigenti di tutti i settore e dopo un periodo di formazione del personale. Un altro progetto che abbiamo in cantiere – ha proseguito l’assessore – è cambiare il gestionale del Comune che metta insieme i documenti e gli atti di tutti i settori. Questo permette di ottimizzare i flussi e rendere più efficiente la macchina amministrativa”. “La migrazione in software libero è già una realtà in molte amministrazioni pubbliche – ha spiegato Montegiove –. Da qui al 2020 al Ministero della Difesa migreranno 23 mila postazioni di computer con un risparmio di 28 milioni di euro. L’approccio a questo sistema è anche culturale. È una scelta di apertura nei confronti della cittadinanza, garanzia di trasparenza e condivisione.  Coloro che vi si affacciano – ha proseguito Sonia Montegiove – sono più propensi alla collaborazione. Oltre alle pubbliche amministrazioni l’open source si sta adottando anche nelle scuole e nell’assisano già si hanno contatti in tal senso.” La Giunta comunale di Assisi ha già messo nero  su bianco (con delibera n.214 del 22 dicembre 2016) la scelta di aderire al  progetto regionale “LibreUmbria” che ha visto la migrazione al software LibreOffice di numerosi enti umbri. Questo software di produttività individuale, infatti, rappresenta un’alternativa molto valida, testata e affidabile ai principali software proprietari di office automation presenti sul mercato (sito del software > https://it.libreoffice.org).
 
Agenzia quotidiana di informazione a cura della Redazione Stampa
Servizio Affari Generali della Provincia di Perugia

Lascia un commento