13 C
Bastia Umbra
8 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Sport

La Sir analizza la partita contro Piacenza

una fase del match con Semenzato e Vujevic che si oppongono a Vettori

Analisi della sconfitta di ieri dei Block Devils a Piacenza, la prima del girone di ritorno. Il libero bianconero: “Non ci siamo espressi al livello delle ultime giornate, ma è giusto dare i meriti anche ad un avversario che ti dà poche possibilità. Il nostro rimane un percorso positivo e domenica, in casa con Molfetta, abbiamo subito la possibilità di riscattarci” .

PERUGIA – È arrivata ieri sera a Piacenza la prima sconfitta del girone di ritorno della Sir Safety Banca di Mantignana Perugia. Una battuta d’arresto in quattro set che naturalmente lascia un po’ di amaro in bocca ai Block Devils che non sono riusciti a ripetere, anche per la qualità e la bravura dell’avversario, le ottime prestazioni dell’ultimo periodo che sono valse il consolidamento del quarto posto in classifica.

Quarto posto che rimane comunque saldamente nelle mani dei ragazzi di Kovac. Sei i punti di vantaggio su Cuneo, più immediata inseguitrice, e sempre un solo punto di distacco dal terzo posto occupato da Trento.

Il tecnico bianconero avrà modo domani, alla ripresa del lavoro al PalaEvangelisti, di analizzare con cura il match del PalaBanca. Match nel quale non si è vista la solita Sir in fase break. In particolare il servizio è stato meno incisivo e la Copra ne ha approfittato con De Cecco in grado di innescare a dovere le sue bocche da fuoco offensive brave ad eludere il muro dei Block Devils. Ciò nonostante la squadra ha retto bene l’urto nei primi due parziali, calando di intensità poi a partire dalla terza frazione. È stato quel frangente a decidere con Piacenza che al contrario ha tenuto altissimo il ritmo e l’intensità traendo giovamento anche dell’ingresso di Le Roux che, come nella sfida d’andata, ha girato l’inerzia dell’incontro.

L’obiettivo ora è ripartire prontamente. Perdere in casa di Papi e soci ci può stare, l’importante è continuare a lavorare duramente e riprendere a far punti fin dalla prossima giornata quando, domenica 16 febbraio, arriverà al PalaEvangelisti Molfetta. Sarà il primo di tre match in una settimana per la Sir attesa successivamente dalle trasferte di Latina (mercoledì 19 febbraio) e Vibo (domenica 23 febbraio). È facile intuire come le prossime tre partite saranno determinanti per la classifica dei Block Devils.

A mente fredda, parla di tutto questo Andrea Giovi. Partendo dalla sconfitta di ieri.

“Non abbiamo giocato come ultimamente eravamo stati in grado di fare – ammette il libero di Perugia – anche se poi è chiaro che l’avversario che avevamo di fronte è di quelli che non ti lasciano tanti margini, che mettono in evidenza i tuoi momenti di difficoltà e che ti danno poche chance durante una partita. Perciò vedo certamente dei demeriti nostri, ma pure diversi meriti loro”.

Giovi entra nel dettaglio della gara.

“I primi due set abbiamo giocato tutto sommato piuttosto bene. Magari abbiamo fatto un po’ fatica nelle situazioni di primo attacco, però eravamo assolutamente in partita. Dopo siamo obiettivamente calati mentre Piacenza ha mantenuto la stessa intensità e questo ha fatto la differenza. È cresciuto il loro muro, sono cresciute le nostre difficoltà al servizio ed a muro. In generale la fase break non è stata la solita, ma, ripeto, anche per merito di una Copra che, ricordo successe anche nel confronto d’andata, ha avuto dei momenti di gioco di altissimo livello”.

Parlare di sconfitta indolore non è mai corretto. Certo è che la situazione dei Block Devils rimane positiva.

“Sono d’accordo. Non ha senso parlare di sconfitta indolore perché tutte le sconfitte sono dolorose. Però è una sconfitta che non pregiudica il nostro buon campionato. Perdere a Piacenza ci può stare e tutto sommato il bicchiere rimane mezzo pieno con sei punti di vantaggio sulla quinta e sempre un solo punto dietro Trento. Adesso è importante ripartire, mettersi giù a lavorare in palestra e mantenere intensità e serenità. Abbiamo preso una buca, ma strada rimane quella buona”.

Strada che adesso mette di fronte alla Sir tre fondamentali incontri nel giro di una settimana. Si parte come detto domenica prossima con il match casalingo con Molfetta, a seguire il viaggio infrasettimanale a Latina e poi quello domenicale a Vibo.

“Sono tre partite assolutamente importanti, soprattutto perché arriviamo ad un punto del campionato assolutamente importante. Domenica in casa con Molfetta abbiamo l’occasione per riscattarci prontamente ed abbiamo voglia di tornare al successo. Le trasferte di Latina e Vibo saranno certamente impegnative, ma pensiamo ad una alla volta, cercando di mantenere alto il nostro livello di gioco, e alla fine della settimana tireremo le somme”.

10/02/2014

Ufficio Stampa Sir Safety Banca di Mantignana Perugia

Lascia un commento