9.1 C
Bastia Umbra
7 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

In azione la gang delle collane: a Bastia due scippi in un giorno

Secondo le testimonianze i malviventi hanno usato un’utilitaria nera per allontanarsi

BASTIA UMBRA – Dopo il capoluogo anche le zone circostanti scoprono l’incubo degli scippi di collane, catenine e monili. Due le “rapine improprie” avvenute negli ultimi giorni a Bastiola di Bastia. Stando alle testimonianze raccolte dai carabinieri sarebbe opera di una banda, un terzetto di giovani. La metodologia usata, sarebbe sempre la stessa: uno dei due distrae la vittima, uno le strappa la catenina e il terzo aspetta in auto poco lontano per fuggire. Stando sempre alle testimonianze Fornite da alcuni cittadini ai militari, i malviventi per allontanarsi avrebbero usato una utilitaria di colore scuro.
La prima rapina è stata compiuta in viale del Popolo, in prossimità della rotatoria. Un ragazzo ha avvicinato una badante rumena e le ha messo un braccio al collo e poi le ha strappato la catenina d’oro e gli occhiali tenuti con una catenella. La donna ha provato a rincorrere lo scippatore, ma quello ha raggiunto l’auto dove lo aspettavano i due complici ed è fuggito. I tre, probabilmente nord africani, sono scappati in direzione Petrignano. Un testimone ha preso il numero di targa che è stato fornito ai carabinieri, Un altro colpo è avvenuto poco distante. in via San Bartolo, dove, poco prima, sempre il terzetto avrebbe scippato un’ altra collana ad una signora italiana. Due scippi e una stessa dinamica d’azione: ora i carabinieri di Bastia stanno passando al setaccio l’intero comprensorio per acciuffare la gang delle catenine: non è da escludere che i tre una volta messi a segno gli scippi si siano mossi alla volta del capoluogo per cercare di far perdere le loro tracce, Le testimonianze fornite dalle persone derubate e dai testimoni presenti al fatto sono abbastanza dettagliate e per questo i militari si possono già muovere in base ad alcuni elementi ben precisi. Soprattutto nei mesi estivi, con l’alta presenza di turisti, sia Bastia che Assisi divengono meta prediletta dei malintenzionati. Si tratta di tenere la guardia alta.
RE.BA.

Lascia un commento