27.8 C
Bastia Umbra
16 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Ufficio mobile nelle frazioni per aiutare la gente a risolvere i piccoli problemi burocratici

132202_fabriziarenzini_ralfE’ già operativo a Costano e Ospedalicchio

BASTIA UMBRA-Polizia municipale “a domicilio” con il nuovo servizio di ufficio mobile, operativo da poco più di un mese nelle frazioni di Costano e Ospedalicchio con l’obiettivo di ascoltare le richieste dei cittadini accogliendo segnalazioni relative a viabilità e sicurezza (eccessi di velocità, episodi microcriminalità, macchine sospette e via dicendo).
L’ufficio mobile consente di andare incontro alle esigenze del cittadino anche in senso pratico, sbrigando a domicilio anche alcune pratiche amministrative, come il servizio anagrafico, evitando così ai cittadini di recarsi in Comune. La postazione mobile è presente nelle frazioni due volte a settimana, ma in futuro l’ufficio mobile potrebbe essere esteso anche in altre zone del territorio,in primis San Lorenzo.“La finalità del servizio -spiega l’assessore Fabrizia Renzini, titolare delle deleghe alla sicurezza e alla polizia municipale – è quella di rafforzare il contatto con il cittadino offrendo un servizio utile e incrementando, al contempo, la sicurezza sul territorio. Rispetto al passato – evidenzia in proposito l’assessore – gli episodi furto sono calati; un dato positivo da attribuire anche all’estensione del controllo notturno estivo che abbiamo rafforzato e protratto fino all’una di notte, per un controllo più mirato volto a scoraggiare gli episodi di furti e criminalità che in estate si moltiplicano”. Controlli intensificati e resi più agevoli anche di giorno grazie alle moto, presenti in magazzino e poco utilizzate in passato, e dalle biciclette elettriche, acquistate lo scorso novembre e ormai entrate a pieno regime. “Servizi – conclude Renzini – per far sentire il cittadino più al sicuro garantendo un maggiore controllo del territorio in tema di viabilità e contrasto alla criminalità”.
Sara Caponi

Lascia un commento