18.8 C
Bastia Umbra
3 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Nazione

Trestina e Bastia in ascesa

Serie D
Ma il colpo vero è del Deruta
Luca Vagnetti
PROMOSSE
Bastia: Mancino è mancino, l’altezza è tutto sommato la stessa. Nella giornata in cui «Pepito» Rossi fa impazzire Firenze e mezza Italia (quella antijuventina) Nunzio Majella imita la performance del puntero gigliato e strapazza il Sansepolcro.
Deruta: A inizio partita c’erano oltre dieci punti di differenza tra la Colligiana e gli uomini di Mattoni ma con il fischio d’inizio quel divario è scomparso. Scommettiamo che farà presto a risalire qualche posizione?
Trestina: I bianconeri sono saliti sull’altalena da inizio anno, a prescindere dal fatto che ha spingerli fosse Cerbella o Valori. Contro la Pontevecchio la giostra altotiberina fa un bel giro all’insù.
Gualdo Casacastalda: Quando Ciccio De Luca e Marco Marri sono così in giornata, per giunta contemporaneamente, c’è solo da prendere il pallottoliere e sperare di non prenderne troppe.
BOCCIATE
Foligno: Seconda partita consecutiva senza mettere il pallone in fondo alla rete avversaria. Il pareggino con il Jolly Montemurlo è ben poca cosa, Pistoiese e Arezzo approfittano delle balbuzie biancazzurre.
Narnese: Ha l’attacco più statico di tutto il campionato. I numeri di rado mentono e comunque testimoniano di quelle che sono le carenze rossoblu. Sei gol segnati in otto partite sono davvero poca cosa.
Voluntas Spoleto: Almeno un risultato ad Arezzo la formazione spoletina l’ha ottenuto; è riuscita infatti a non far segnare Essoussi grazie anche al rigore parato da Lazzarini all’attaccante marocchino.
Pontevecchio: E’ un momento un po’ così, tra arbitraggi sgraditi e casi di mercato ogni goccia che passa sotto il Ponte fa più rumore di un terremoto e, per completare il quadro, il presidente Monsignori minaccia le dimissioni. Nervi troppo tesi.

Lascia un commento