30.4 C
Bastia Umbra
18 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Attualità

Spaccio si stupefacenti: nuovi arresti dei Carabinieri di Assisi

L’attività di contrasto ai reati predatori e la lotta allo stupefacente intrapreso dai militari della Compagnia Carabinieri di Assisi prosegue senza sosta, come testimoniano gli ultimi sette arresti effettuati nel corso della notte appena trascorsa.
Nel corso di un complesso servizio coordinato della Compagnia Carabinieri di Assisi a finire in manette sono stati due italiani da tempo nel mirino degli investigatori perché sospettati di gestire il mercato al dettaglio delle droghe così dette “leggere”di Bastia Umbra: presso la loro abitazione, al termine di un prolungato servizio di osservazione, i due sono stati trovati in possesso di circa 600 grammi di marijuana, due bilancini, materiale per il taglio e per il confezionamento e duemila euro in contanti, ritenuti dagli investigatori sicuro provento dell’attività di spaccio. Il “market” della droga prevedeva la partecipazione alle attività illecite anche di un minorenne deferito dai militari dell’Arma alla competente Autorità Giudiziaria con le accuse di detenzione ai fini di spaccio. A seguito di perquisizione domiciliare è stato rinvenuto nella disponibilità degli stessi anche del munizionamento illegalmente detenuto: gli arrestati dovranno rispondere di ciò davanti al Giudice in sede di rito per direttissima.
Il monitoraggio ed il contrasto all’immigrazione clandestina ha permesso poi di trarre in arresto tre nomadi dedite all’accattonaggio in località Ferriera di Torgiano: sulle donne, sebbene entrambe di giovane età, gravavano altrettanti ordini di carcerazione emessi dalla magistratura in relazione a pregresse sentenze di condanna passate in giudicato. Una delle due doveva espiare complessivi anni venti di carcere per furti in appartamento commessi nel comprensorio laziale anni addietro. E’ andata meglio alla seconda rom, che deve espiare una pena decisamente più lieve, di soli sei mesi e undici giorni di reclusione.
Sempre nell’ambito dell’attività di contrasto al narco traffico tre militari si sono imbattuti nel controllo di due cittadini albanesi, i quali, all’atto del controllo avevano appena finito di cedere le ultime dosi di stupefacente: gli stessi, vistisi scoperti al fine di sottrarsi al controllo degli operanti si sono scagliati contro i militari colpendoli con calci e pugni. Al termine della colluttazione i Carabinieri sono stati costretti a ricorrere alle cure del nosocomio di Assisi, mentre ai polsi dei due giovani sono scattate le manette con l’accusa di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

08/06/2013

Comando Carabinieri Provincia di Perugia

Lascia un commento