18.9 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Politica

Simone Pettirossi: “nell’ultimo Consiglio comunale non è stato modificato né lo Statuto, ne’ alcun regolamento relativo alla presenza di donne in Giunta”

Simone Pettirossi
Capogruppo PD Assisi

Sull’ultimo Consiglio comunale sono uscite notizie non rispondenti alla realtà dei fatti e quindi ci siamo sentiti in dovere di mandare una nota alla stampa.

Il primo punto da chiarire è che nell’ultimo Consiglio comunale non è stato modificato né lo Statuto, ne’ alcun regolamento relativo alla presenza di donne in Giunta.
L’unico fatto reale è che non è stato rispettato l’obbligo di legge che imponeva l’aggiornamento statutario entro il 26 giugno scorso.
Anche la mozione che avevamo presentato, per chiedere questo adeguamento e per rendere le nuove norme immediatamente attuative, è stata respinta: il centrodestra e il consigliere Travicelli hanno votato contro.
Al di là dei proclami, contano i fatti.
Quello incontrovertibile e’ che nella Giunta di Assisi ci sono ZERO assessori donne.
Al di là delle sentenze (ancora non definitive) e delle vicende giudiziarie, che in questa sede non ci interessano, infatti va sottolineato che nessuna legge vieta o vietava a Ricci di inserire una o più donne in Giunta.
Anzi! Il Sindaco era chiamato dall’art. 30 dello Statuto comunale, attualmente vigente, a nominare il Vice Sindaco e gli assessori (non altre figure istituzionali), assicurando “di norma” la presenza “di entrambi i sessi”.
Con giustificazioni che a nostro avviso sono opinabili, invece, il Sindaco non ha dato seguito alla richiesta della norma statutaria.

Il punto politico è chiaro: la parità di genere, ad Assisi, per la maggioranza può attendere.
Può aspettare la nomina di almeno una donna in Giunta.
Può aspettare la modifica dello Statuto…, visto che i termini di legge sono già scaduti.

Da parte del centrodestra, inoltre, c’è stata la solita chiusura preconcetta:
– voto contrario sulla mozione che abbiamo presentato per l’adeguamento imposto dalla legge dello statuto comunale;
– voto contrario sulla mozione che proponeva di realizzare un Fondo di garanzia per aiutare i cassaintegrati e le imprese in difficoltà.

Da parte nostra, invece, vogliamo sottolinearlo, c’è stato un atteggiamento costruttivo anche nell’ultimo Consiglio comunale, visto che abbiamo votato a favore di alcune proposte, come una variazione di bilancio e l’ordine del giorno sul femminicidio, che sebbene trattasse della Convenzione di Instanbul, già ratificata a giugno in Italia (http://www.huffingtonpost.it/2013/06/19/femminicidio-la-convenzione-di-istanbul-e-legge-italiana_n_3464616.html), 

affrontava un tema molto serio che ci sta a cuore. Dispiace, perciò, che la maggioranza, sia riuscita a strumentalizzare anche un argomento terribile come questo, manifestando totale assenza di sensibilità e nessun rispetto per la tragedia di 81 donne uccise in Italia dall’inizio dell’anno. 
Non c’entra nulla, infatti, l’omicidio di una donna, con il tema delle pari opportunità nelle professioni, nei consigli di amministrazione o nelle Giunte!!! Sic.
13/07/2013
Simone Pettirossi
Capogruppo PD Assisi

Lascia un commento