18.8 C
Bastia Umbra
3 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Economia

Mignini&Petrini: sempre aperti ai sindacati. Siamo abituati a dare risposte certe, frutto di analisi e di programmazione.

La risposta del Gruppo alle richieste dei sindacati: attenzione allo scenario globale e specifico del mercato mangimistico, visione organica per pieno controllo delle filiere, investimenti in autonomia energetica e riorganizzazione management. Stiamo lavorando su più livelli per far fronte alle nuove sfide

 

Continuità occupazionale, nuovi investimenti e nuovo management. Abbiamo gli ingredienti per gestire il presente e progettare il futuro. Ci colpisce, e non positivamente, il tono, la sostanza e la tempistica dell’azione dei sindacati. Ci aspettiamo serietà da parte dei sindacati, che vogliamo certamente rassicurare sulla disponibilità all’incontro

In uno scenario globale critico, dove un mix di fattori continua a incidere sui costi energetici e sugli approvvigionamenti di materie prime, e in un momento di contrazione specifica del mercato della mangimistica, ci colpisce, e non positivamente, il tono, la sostanza e la tempistica dell’azione dei sindacati.

Come Gruppo siamo (lo siamo sempre stati) aperti e disponibili al confronto con sindacati, lavoratori e lavoratrici.

Storicamente questa è un’azienda dove il fattore umano è sempre stato prioritario, assieme alle conoscenze specifiche nel settore e agli investimenti tecnologici e in ricerca sulle materie prime.

Siamo consapevoli di dover dare delle risposte alle lavoratrici, ai lavoratori e ai loro rappresentanti sindacali, ma siamo anche conviti che tali risposte debbano essere serie, ponderate e adeguate al contesto, frutto di analisi e strategie.

Siamo in una fase storica del tutto peculiare in cui i meccanismi del commercio internazionale sembrano inceppati e in cui ancora troppo poco si fa per intervenire su la madre di tutti i problemi, il cambiamento climatico in corso e i suoi effetti sulla sicurezza alimentare.

A questo quadro si è aggiunto lo scoppio del conflitto in Ucraina, purtroppo tuttora in corso, con conseguenze drammatiche sui civili delle zone interessate e implicazioni economiche e sociali rilevanti in tutto il mondo, Italia inclusa.

Inoltre, in questo momento, oltre all’aumento dei costi di produzione, diminuiscono le disponibilità di materie prime per l’alimentazione, l’allevamento e l’agricoltura.

E la cosa peggiore è che tale scenario è mutevole e lo è settimanalmente.

Risulta, dunque, più difficile che in passato presentare una pianificazione di lungo periodo, alla quale comunque siamo giunti in queste settimane.

In questo momento i sindacati dovrebbero tenere conto di tali aspetti peculiari.

Mai come Mignini&Petrini siamo venuti meno agli obblighi informativi nei confronti di lavoratori e sindacati, come d’altronde previsto dai contratti.

Conosciamo bene le nostre responsabilità nei confronti della comunità dei lavoratori e della comunità in generale e siamo pronti a fornire tutte le risposte in un’ottica di continuità occupazionale e di sviluppo.

Proprio in questi giorni, presso lo stabilimento di Petrignano d’Assisi, stiamo completando l’installazione di un impianto fotovoltaico volto alla riduzione del nostro impatto ambientale e dei costi energetici, andando proprio nella direzione di utilizzare risorse naturali e contenere gli aumenti dei costi di produzione.

Giorgio Vicario

Ufficio stampa

Lascia un commento