21.8 C
Bastia Umbra
17 Giugno 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Delocalizzazione Isa, soddisfazione generale

All’entusiasmo dell’amministrazione comunale si aggiunge quello di Fillea Cgil e della Camera del lavoro

BASTIA UMBRA E’ destinato a cambiare il volto della città il via libera della conferenza dei servizi che lunedì mattina si è chiusa con l’approvazione definitiva del progetto di delocalizzazione dello stabilimento della Isa di Bastia, attualmente situata nella sede storica di via del Lavoro, alle porte del capoluogo, ma destinata a trasferirsi in capo a qualche anno nel nuovo insediamento di Ospedalicchio.Leader nel settore dell’arredamento dei pubblici esercizi e della refrigerazione professionale, la Isa è stata fondata nel 1963 e con centinaia di dipendenti rappresenta una delle più importanti realtà industriali della regione. Il nuovo stabilimento sorgerà su un terreno vergine situato nella frazione di Ospedalicchio al confine con Torgiano, a ridosso dello svincolo della SS75. Il terreno, di ex proprietà delle Opere Pie Riunite, si estende per trenta ettari ed è compreso tra via Hanoi, via Madonna di Campagna, via Tito Paparelli e via Vienna. All’entusiasmo dell’amministrazione comunale per l’importante risultato
raggiunto, si aggiunge quello di Fillea Cgil e della Camera del lavoro di Bastia, che in una nota esprimono soddisfazione per l’approvazione definitiva del progetto per la realizzazione del nuovo insediamento Isa.”Un lavoro lungo e complicato – si legge nella nota -, che ha visto l’impegno e la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali interessati che hanno dimostrato competenza e senso di responsabilità per rispondere alle esigenze di chi, a differenza di altri, ha deciso di rimanere in Italia e di continuare ad investire e a produrre in questo territorio.Ora aspettiamo il “sì” definitivo del consiglio comunale di Bastia, che speriamo avvenga prima possibile per far sì che i lavori possano essere avviati immediatamente al fine di realizzare un insediamento produttivo dotato di sistemi tecnologicamente avanzati che lo possano far stare sul mercato in modo competitivo”.
Sara Caponi

ISA

Lascia un commento