19 C
Bastia Umbra
23 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

C’è un nuovo progetto per piazza del Mercato ma le opposizioni tuonano

foto bastiaoggi

Completato l’iter per il recupero dell’area

BASTIA UMBRA E’ stato formalmente completato l’iter del piano di recupero di piazza del Mercato, approdato in consiglio comunale mercoledì per l’esame delle osservazioni. Il piano ha ottenuto il secondo via libera dopo le modifiche al piano originario, non realizzato perché insostenibile dal punto di vista economico. La modifica più importante riguarda il parchegggio sotterraneo, eliminato dall’attuale piano che al suo posto prevede una serie di parcheggi pubblici in superficie, in parte sulla piazza e altri dietro l’ex mattatoio.Altra modifica riguarda l’eliminazione del palazzo a forma di “L” all’angolo con via Veneto, mantenendo però un edificato lungo via IV Novembre.L’ex mattatoio ospiterà una grande biblioteca nonché un piccolo auditorium per presentazioni e conferenze. “Questo – ha spiegato in consiglio l’assessore all’Assetto del territorio Fratellini – è un piano che la città attende da oltre quarant’anni. Nostro intento è recuperare una parte fondamentale di città dando attuazione a quell’idea di linea immaginaria che congiunge la zona fiera al cuore della città attraverso l’area pic, l’ex mattatoio, piazza mazzini e l’area Franchi”.Molte sono tuttavia le perplessità emerse durante la discussione.Criticando la mancata condivisione con i cittadini e la bocciatura “tour-court” delle osservazioni presentate,“rigettate a colpi di maggioranza tralasciandone l’analisi nel merito”, per il Pd il piano “mette l’interesse pubblico in subordine rispetto a quello privato, attraverso il consumo inutile e dannoso di un’area aperta e attualmente non edificata”. Pur dichiarandosi favorevoli alla riqualificazione dell’area, i democratici si chiedono a chi il piano possa davvero piacere “se non a chi, con tanta enfasi, lo ha presentato e raccontato in sede di consiglio comunale”.Analoghe perplessità anche dal gruppo Bastia per te rappresentato da Simona Carosati, secondo cui il progetto “non tiene nella giusta considerazione le esigenze della Bastia di oggi, caratterizzata dalla mancanza di domanda di espansione e presenza di volumetrie residenziali e commerciali sfitte”. Perplessità anche dalla Sinistra per Bastia, che manifestando rammarico per la cancellazione della denominazione “piazza Togliatti” per la piazza del Mercato, effettivamente in disuso, sottolinea la necessità di valorizzare l’esistente favorendo luoghi naturali di incontro al posto di palazzi e aree commerciali, per evitare che “il centro storico, centro commerciale naturale della città, rischi di svuotarsi ancora di più”.
Sara Caponi

Lascia un commento