9.5 C
Bastia Umbra
22 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Assegnate a Claudia Lucia le deleghe della Renzini

La giunta comunale è di nuovo operativa

Ansideri risolve subito il caso

di Sara Caponi
A BASTIAUMBRA-Claudia Lucia è il nuovoassessore della giunta Ansideri bis. Preso atto della rinuncia di Fabrizia Renzini, infatti, il sindaco non ha perso tempo e nella giornatadi ieri ha proceduto alla nomina dell’assessore Lucia, giovane architetto di Ospedalicchio e seconda candidata donna più votata nella lista Bastia Popolare con 97 preferenze.Avrà le deleghe in origine destinate alla Renzini: affari generali, cultura, scuola e pari opportunità. Con lei è nuovamente completa la rosa della giunta comunale, composta anche dal vicesindaco Francesco Fratellini e dagli assessori Catia Degli Esposti, Roberto Roscini e Filiberto Franchi.
Il caso, però, è tutt’altro che archiviato. Ha infatti suscitato non poco clamore l’improvvisa uscita di scena della Renzini, motivata con la mancata nomina a vicesindaco che secondol’avvocatessa, la più votata con 301 preferenze, “in tutti i Comuni viene attribuita all’assessore più votato della coalizione”. Un passo indietro ai nastri di partenza che, a detta di molti, è piombato come un fulmine a ciel sereno, ad appena quarantott’ore dal varo della giunta e in un clima generale di apparente serenità. Sulla vicenda è però lo stesso Ansideri a mettere un punto fermo. “Nella scelta degli assessori – spiega il sindaco in proposito – ho tenuto conto dei risultati e delle competenze, attribuendo a Fabrizia Renzini il ruolo di assessore con deleghe per le quali la ritenevo adatta come donna e mamma. Negli ultimi giorni c’era stata fibrillazione perché lei aveva altre pretese, ma l’intendimento era quello di continuare nel solco già tracciato e così è stato. Non ho mai fatto mistero che avrei attribuito l’incarico di vicesindaco a  Francesco Fratellini, con cui negli ultimi sei anni ho lavorato gomito a gomito. E anche se qualcuno si era fatto un film di tutt’altro genere, alla fine è il sindaco a decidere”.
Squadra che vince, insomma, non si cambia.

Lascia un commento