13 C
Bastia Umbra
8 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Cimitero, scattano gli aumenti

Bastia, nuove tariffe per le concessioni Valgono per le domande presentate dal primo gennaio

LUCIO FONTANA
BASTIA UMBRA Una catena di aumenti. I primi, sono stati deliberati dalla giunta regionale e modificano i prezziari per i costi di costruzione. I secondi, quelli a carico dell’amministrazione comunale di Bastia Umbra, per le nuove realizzazioni. Gli ultimi, che ricadono nelle tasche dei contribuenti e riguardano le concessioni cimiteriali.
Lo dice il titolo stesso della delibera licenziata dalla giunta municipale: “Adeguamento delle tariffe per le concessioni cimiteriali del capoluogo, di Costano ed Ospedalicchio». «Con decorrenza – aggiunge il documento – primo gennaio 2014». L’incremento dei costi di costruzione si riverbera su loculi, ossarine e cappelline. Secondo una stima dei tecnici comunali, l’aumento «medio ponderato del costo di costruzione di loculi, ossarine e cappellino è pari al 5,6%». La stessa percentuale sarà applicata alle concessioni cimiteriali che attualmente «non sono più adeguate ai costi effettivi sostenuti dall’Ente per garantire l’efficienza e la continuità dei servizi cimiteriali».
La delibera ha in allegato anche la nuove tariffe che prevedono, ad esempio, per loculi in prima fila concessioni cimiteriali pari a 2.258 euro t rispetto ai 2.139 prima dell’aumento) per loculi in seconda fila costi per 3.387 euro (invece dei 3.209) e per cappelline da 4 loculi 25.408 euro (invece di 24.070 euro).
Lo stesso aumento va applicato alle ossarine. «Han no la stessa tipologia costruttiva dei loculi spiega la delibera – e si differenziano da questi solo ed esclusivamente per la profondità, che è di circa 50 centimetri e che quindi comporta un risparmio solo sul calcestruzzo e sull’acciaio, mentre rimangono invariati i costi per le altre opere». E, anche in questo caso, la “posizione” influisce sui costi. Più vantaggiose quelle in quarta, quinta e sesta fila (918 euro invece di 869), più costose quelle in seconda (1.694 curo invece di 1.604) e terza fila (1412 invece di 1.337 euro).
L’adeguamento delle tariffe è stato approvato all’unanimità dalla giunta Ansideri ed avrà validità sulle domande che sono state presentate già dallo scorso primo gennaio.

Lascia un commento