9.5 C
Bastia Umbra
30 Novembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

La scelta del candidato a sindaco del Pd slitta e verrà fatta dai partiti “alleati”

brozziVerso le elezioni

Il nome era previsto per ieri

BASTIA UMBRA Sono ore di grande attesa per il Partito democratico,alle prese con l’importante appuntamento delle primarie per l’elezione del nuovo segretario nazionale.A Bastia Umbra,tuttavia,all’attesa per il nuovo segretario sia ggiunge quella,tutta locale,per la presentazione del candidato sindaco alle prossime elezioni comunali, che la segreteria del Pd aveva inizialmente fissato per oggi. Il termine,come spiega il segretario comunale Vannio Brozzi,è tutta via slittato di qualche settimana per consentire un “percorso più inclusivo possibile”.Un percorso che-come dovrebbe per altro certificare una nota ufficiale attesa nelle prossime ore – sembra allontanare sempre di più l’ipotesi delle primarie di partito, con buona pace di chi ne ha a più riprese invocato il ricorso. Il tema è infatti stato discusso nell’ultimo direttivo del partito nel quale,puntualizza Brozzi, “i presenti (circa 35) hanno escluso all’unanimità il ricorso alle primarie”,optando per un “percorso collegiale con tutti i partiti e movimenti dell’alleanza, con cui lavorare assieme stringendo al massimo i tempi”.La speranza del gruppo di lavoro è di individuare un candidato entro Natale,a cui poi demandare la scelta su tempi e modi per la propria ufficializzazione.Sul nome del candidato,o della candidata, circolano da mesi molte voci. La rosa dei “papabili” conta al momento tre o quattro possibili nomi, il più accreditato dei quali appartiene a una giovane donna di Costano, espressione della società civile e di quel rinnovamento invocato da più parti. “Restiamo aperti ad altre proposte-chiosa Brozzi-anche all’interno del gruppo consiliare,purché al primo mandato, e degli altri partiti, senza alcuna pregiudiziale.Il nostro intento – ribadisce in conclusione – è quello della massima condivisione”.

Sara Caponi

Lascia un commento