14.5 C
Bastia Umbra
7 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Rapina al distributore, tracce dalle telecamere

I filmati del circuito chiuso al vaglio dei carabinieri che stanno indagando a 360 gradi per risalire ai malviventi

BASTIA UMBRA Proseguono a 360 gradi le indagini sull’agguato che nella notte tra sabato e domenica ha seminato il terrore nel distributore Total Erg situato lungo la Ss75, tra Santa Maria degli Angeli e Bastia,preso d’assalto da due malviventi che hanno minacciato l’addetto in servizio notturno puntando gli una pistola alla tempia.Uno dei due rapinatori ha raggiunto l’area di servizio alla guida di una Fiat Punto grigia,concui si è posizionato nei pressi
del distributore; fingendosi cliente, ha chiesto all’addetto di fare il pieno di carburante,ma proprio in quel momento,incappucciato e armato, il complice è improvvisamente sbucato alle spalle dell’operatore,puntandogli una pistola alla testa per farsi consegnare i soldi.Sotto la minaccia dell’arma, l’uomo ha dovuto consegnare nelle mani del rapinatore l’intero incasso della notte e aprire la cassa per il rifornimento automatico nei pressi delle pompe. Ripulita la cassa del self-service e intascato il bottino,oltre duemila euro in tutto, il malvivente è salito a bordo dell’utilitaria dove il complice lo attendeva, pronto a mettere in moto per dileguarsi lungo la superstrada in direzione di Perugia.L’intera scena è stata ripresa comunque dalle telecamere del sistema di videosorveglianza,i cui nastri sono ora all’esame dei carabinieri di Assisi, coordinati dal maggiore Marco Sivori, giunti sul posto pochi minuti dopo la rapina e immediatamente impegnati nel raccogliere ogni informazione utile a individuare i due banditi.Le indagini, sulle quali gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo, cercheranno di risalire all’identità dei due malviventi a partire dai dettagli della vettura restituiti dalle telecamere e dal complice che ha agito senza travisare il volto, risultando così più facilmente identificabile agli inquirenti.

Lascia un commento