13.2 C
Bastia Umbra
28 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Ennesimo furto alla direzione didattica Rubati computer e monete del distributore

La banda ha forzato una finestra posteriore e ha scassinato un armadietto utilizzato come cassaforte
Dall’inizio dell’anno già una decina i colpi notturni messi a segno

di Sara Caponi
BASTIA UMBRA – Direzione didattica ancora nel mirino dei vandali, che nella notte tra mercoledì e giovedì si sono introdotti all’interno della scuola“Don Bosco”di via Roma scappando con un notebook per le mani e un mucchietto di monetine in tasca,sottratte dal distributore automatico per caffè e altre bevande.L’episodio è il primo dalla recente riapertura delle scuole,ma l’ennesimo da un paio d’anni a questa parte.
L’amara scoperta è stata fatta ieri mattina dal personale scolastico,che all’apertura delle porte ha constatato il soqquadro seminato nei locali dell’edificio durante la notte e lanciato l’allarme ai carabinieri della stazione locale, che si sono recati sul posto per appurare i fatti.Secondo quanto emerso, incurante delle telecamere poste a videosorvegliare l’edificio, la banda si sarebbe fatta strada forzando una finestra posteriore.Una volta dentro la scuola, i ladri si sono diretti verso un armadio con chiave adibito a cassaforte dal quale,in precedenti furti, erano state rubate ingenti somme di denaro;stavolta, però, nessun tesoro vi era custodito.A sparire soltanto un notebook lasciato su una scrivania degli uffici della direzione.Come di consueto, poi, la banda ha danneggiato la macchinetta automatica del caffè per portare via le poche monete in essa contenuti. Per l’ennesimo colpo è stata formalizzata una denuncia per furto in istituto scolastico; come in passato,tuttavia, gli autori hanno agito indisturbati per poi scappare senza lasciare tracce, restando perciò ignoti. Oltre a provocare danni, l’ennesimo furto ha di nuovo suscitato rabbia e sgomento negli insegnanti e nel personale scolastico, amareggiati e avviliti per le continue intrusioni ai danni delle scuole bastiole: nove nel 2012 e quasi una decina dall’inizio del 2013.

Lascia un commento