20.6 C
Bastia Umbra
28 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Doppio Majella, torna il Bastia

MAJELLA.bmpPer lo Scandicci accorcia le distanze Kouko ma nel finale Mosca e compagni tengono botta: 2-1

Due gol del napoletano e la squadra di Magrini centra la prima vittoria

BASTIA: Mosca 6, Pierotti 6, Stoppini 6, Mattia 6,Ciccioli 5.5, Cossu 5.5, De Santis 5.5 (26′ stArcioni 6), Toma 6.5, Palavisini 5 (31′ st De Pasquale sv), Baccarin 5 (22′ st Fabris 6), Majella 7,5. All. Magrini 6.5
SCANDICCI: Berti 6, Mordini 6 (12′ st Bini 5.5),Baldini 5.5 (37′ st Chiarello sv), Pezzati 5.5,Salvadori 6, Panelli 6, Ammannati 6, Del Colle
6.5, Gianotti 5 (9′ st Kouko J. 5.5), Kouko D. 7,Bigeschi 6.5. All. Brachi 6
ARBITRO: Saccenti di Modena 6.5 (Sclavi-Paoletti)
RETI: 7′ st (r) e 30′ st Majella, 13′ st Kouko D.
NOTE: Ammoniti Del Colle, Baccarin, Baldini, De Santis, Salvadori, Arcioni, Cossu
BASTIA Il Bastia batte lo Scandicci 2-1 cogliendo così la prima vittoria in campionato.Protagonista Nunzio Majella che con la sua doppietta nasconde le difficoltà della squadra che comunque non si è risparmiata sotto il profilo dell’impegno. Il tecnico Magrini conferma il 4-3-1-2 con Mattia-Toma-De Santis dietro a Baccarin pronto a supportare il duo Majella-Palavisini, quest’ultimo chiamato a sostituire l’infortunato Fontanella.
Lo Scandicci invece inizia molto coperto con un 5-3-2 affidato alla regia di Del Colle e basato sulle accelerazioni di Kouko. Il Bastia comincia subito con il piglio giusto e si fa pericoloso all’8’ con Majella che serve nel corridoio una palla filtrante per Toma che di sinistro prova un diagonale, potente ma impreciso. I locali comandano il gioco e gli ospiti si fanno pericolosi solo con una punizione a due in area concessa per un retropassaggio di un difensore del Bastia che Mosca ingenuamente prende con le mani. La punizione defilata di Del Colle viene respinta dalla barriera.La squadra diMagrini però ha voglia di fare bene e sul cross perfetto di Stoppini la coordinazione di De
Santis è da manuale ma il tiro al volo violentissimo sbatte sulla traversa.Al 26’ brivido per il Bastia. Punizione dalla destra di Del Colle che attraversa tutta l’area, Salvadori sul secondo palo tira di destro con Mosca che compie il miracolo sulla linea tra le proteste dei giocatori che  volevanoil gol.L’uniconeodei locali viene dalla difesa che al 35’ rischia ancora sul lancio dalle retrovie con Ciccioli che, prima si fa scavalcare dal pallone favorendo il pallonetto di Kouko sull’uscita disperata di Mosca, poi però rimedia salvando sulla linea. Sul capovolgimento di fronte bordata dai 30 metri di Toma e palla che colpisce ancora la traversa.Dicevamo della voglia di Majella di fare bene e la ripresa si apre con
il suo marchio. Prima si libera di un avversario e calcia centralmente in porta poi viene trattenuto in area da Pezzati conquistando si così un rigore che lui stesso trasforma al 7’ spiazzando di piatto il portiere. Al 13’ lo Scandici pareggia. Cross dalla destra di Bigeschi e stacco di testa di Daniel Kouko che incrocia nell’angolo opposto.Il Bastia sembra accusare il colpo ma con Majella in campo tutto può accadere. E al 30’ su angolo di Fabris colpo di testa in tuffo del bomber di Napoli che non lascia scampo a Berti.
Francesco Baldoni

SPOGLIATOIO

Il bomber: “Non ce la facevo più a star fuori”

BASTIA(f.b.) -A fine gara ecco Nunzio Majella che è appena andato a ricevere, con i compagni, l’abbraccio dei Mad Boys. “Partita difficile -dice – dove bisognava vincere per forza anche se io non ci fossi stato”.Facile a dirsi per l’autore della doppietta decisiva. “Non ce la facevo più a star fuori e avevo una gran voglia di giocare”. Il Bastia con Majella dove può arrivare. “La salvezza rimane l’obiettivo principale, solo allora potremo toglierci altre soddisfazioni”. Il tecnico Magrini è soddisfatto della gara. “Un bel primo tempo da parte nostra – commenta – dove meritavamo il vantaggio. Nella ripresa dopo il loro pareggio siamo calati,avevamo speso molto e infatti dopo il 2-1 ho solo sperato che la partita finisse il prima possibile”. Con Majella è tutto un altro Bastia.”Nunzio è fondamentale per noi ma anche nelle altre partite abbiamo
creato molto pur senza di lui”. Cosa manca quindi a questa squadra.”Dobbiamo migliorare in certe situazioni come sui falli tattici”. Deluso ma non più di tanto il tecnico Brachi. “Ha deciso il giocatore più importante.Credo che alla fine il pareggio era il risultato più giusto. Mancavano due giocatori importanti (Bettoni e Modelli) e abbiamo pagato un po’ di inesperienza. Il gol preso su calcio d’angolo lo dimostra”.

Lascia un commento