13.2 C
Bastia Umbra
6 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Nuovo regolamento per insegne e pubblicità

Dopo le tensioni degli ultimi tempi, il Comune ha regolamentato la cartellonistica fissa e mobile

BASTIA UMBRA Approvando la modifica al relativo regolamento,il consiglio comunale ha introdotto interessanti novità in materia di insegne e mezzi pubblicitari.La pratica è stata illustrata nella seduta di lunedì 11 dall’assessore Francesco Fratellini, che nella sua relazione ha chiarito come le modifiche proposte si siano rese necessarie a seguito delle discussioni scatenatesi fra le aziende operanti nel settore quando a gennaio 2011 la giunta aveva approvato il regolamento introdotto a luglio 2010 che riapriva la possibilità di installare sul territorio i cartelloni 6×3.
“Circostanza – ha spiegato Fratellini – che ha indotto la giunta a sospendere il rilascio delle autorizzazioni su suolo privato al fine di porre rimedio alla situazione” attraverso una revisione e correzione del regolamento che introduce interessanti modifiche. Fra queste una significativa semplificazione delle procedure, così da ottenere uno snellimento dell’iter burocratico per la richiesta delle autorizzazioni le quali, però, d’ora in poi dovranno dimostrare la disponibilità del terreno attraverso regolare contratto, così da scongiurare la sovrapposizione di richieste.Le modifiche aumentano inoltre le distanze fra gli impianti posti su suolo privato da 35 a 50 metri, così da rendere gli stessi “meno invasivi”, mentre nei parcheggi pubblici la distanza prevista di 10 metri potrà essere ridotta su richiesta.Il nuovo regolamento, infine, porterà alla graduale sostituzione dei carrelli mobili sparsi in città (fino ad oggi “parificati”) con i cartelloni fissi.“La nostra intenzione – ha sottolineato Fratellini – è quella di incentivare gli impianti fissi rispetto alle strutture temporanee le quali, allo scadere dell’autorizzazione, dovranno essere rimosse per un certo periodo prima di ottenere un eventuale rinnovo”.
Sara Caponi

Lascia un commento