22.4 C
Bastia Umbra
26 Giugno 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Palio de San Michele, tocca al Moncioveta chiudere in bellezza

Si conclude questa sera la prima delle tre gare. Alle 22 va in scena “C’era una svolta”
BASTIA UMBRA Si conclude questa sera la prima delle tre gare che vedono i quattro rioni della città contendersi l’ambito stendardo nel cinquantesimo Palio de SanMichele.

A chiudere in bellezza le sfilate saràil rioneMoncioveta,in scena stasera alle 22 conlo spettacolo “C’era una svolta”. Uno spettacolo in cui la protagonista, Adele, fugge le difficoltà della vita quotidiana in un fiabesco viaggio onirico, per poi accorgersi che gli ostacoli del più fantastico dei mondi non sono poi così diversi da quelli della vita di tutti i giorni, capovolgendo la fiaba per guardare la realtà con altri occhi. A guidare il rione nell’impresa è il capitano Lorenzo Incontri, al suo esordio dopo aver ereditato il timone da Marco Giubilei. L’albo d’oro vede il Moncioveta in seconda posizione con 12 vittorie conseguite nel 1963, 1981, 1982, 1985, 1986, 1987,1988, 1989, 1992, 2000, 2007 e 2008. Una vittoria che manca da qualche anno e che i rossi proveranno a ghermire già da stasera meravigliando la giuria con nuovi elementi. “Oltre ai carri, che fanno da sempre la forza del nostro rione – spiegail capitano -,il punto di forza della nostra sfilata è la scenografia fissa con la quale speriamo di lasciare tutti a bocca aperta”. La vera sfida, per il Moncioveta, è però quella del rinnovamento, che non interessa solo il vertice ma anche il gruppo il quale, quest’anno, registra meno presenze. “Rivestire questo ruolo – afferma il capitano – mi riempe di emozione e orgoglio e, nonostante partiamo numericamente svantaggiati, la voglia di andare avanti è tanta”.Pronto a rimboccarsi le maniche, il Moncioveta è deciso a dare il meglio per riportare il Palio a casa grazie all’esperienza dei veterani e l’entusiasmo di tante nuove leve, che il capitano incoraggia con il nuovo motto dei rossi: “Sii forte, o mia tribù!”.

Sara Caponi

Lascia un commento