18.1 C
Bastia Umbra
17 Giugno 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Politica

Paola Lungarotti: “Esondazione Tescio. La verità”.

Non si tratta di speculazione elettorale ma di un doveroso e incessante impegno politico per reperire le risorse e i mezzi per rispondere alle necessità del nostro territorio comunale.

Il tenace lavoro e la grande sinergia con la Giunta Regionale Umbra ci hanno consentito di ottenere l’importante risultato di veder riconoscere a Bastia ulteriori 400 mila euro di fondi, oltre alla spesa già prevista di un 1.200.000 euro, per terminare l’opera di realizzazione degli argini sul Tescio. L’approvazione da parte della Regione della variante al progetto resasi necessaria a seguito dell’esondazione del 23 giugno ultimo scorso, è stata inoltrata il 22 maggio 2024, con i 400 mila euro riassegnati si pongono le condizioni per la ripresa e la conclusione dei lavori fermo restando l’approvazione da parte del Consiglio Comunale della variazione di bilancio.

Purtroppo le grandi emergenze arrivano in un momento, poi la messa in sicurezza e il ritorno alla normalità richiedono sforzi e tempi, come in questo caso. C’è stato un impegno concertato, organizzato e condiviso dai Comuni di Bastia e Assisi e dagli altri due Comuni coinvolti nell’esondazione del Tescio, Valtopina e Nocera Umbra, dal giorno dopo, sempre costante l’attenzione e le sollecitazioni.

La Regione ha operato in contemporanea nel loro e nel nostro territorio per la ripulitura del letto del torrente.

Ma l’importante ora è poter raggiungere l’obiettivo.

In più, con la completa realizzazione degli argini sul torrente Tescio, otterremo un duplice obiettivo positivo per Bastia:

  1. Mettere in sicurezza  l’ampia area cittadina limitrofa al torrente Tescio
  2. Poter procedere con la realizzazione del sottopasso di via Firenze, un’opera attesa non da un anno, e neanche da cinque, ma da almeno 20 anni!

Sappiamo bene sulla nostra e altrui pelle quanto siano complesse le procedure burocratiche amministrative, anzi rispetto a situazioni extra regionali è sotto gli occhi di tutti che i tempi si sono contratti al massimo. E’ invece vergognoso speculare su questo e peggio ancora per l’ennesima volta dichiarare delle falsità per denigrare il lavoro svolto, ivi compreso anche quello degli uffici. E’ vergognoso attribuire le spese natalizie a quanto non speso per gli interventi di somma urgenza. La delibera delle spese natalizie è stata approvata antecedentemente all’assestamento del bilancio di novembre 2023 senza quindi togliere un solo centesimo a questa o ad altre necessità che si potevano soddisfare. Mentire e sapere di mentire è molto grave, chi fa questo parte sempre dal presupposto che gli altri non riconoscano la verità dalla bugia.

 

29/05/2024

Ufficio Stampa candidato sindaco Paola Lungarotti

 

Lascia un commento