16.1 C
Bastia Umbra
17 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

Giulio Gigli e Lorenzo Ragni, due chef stellati dall’Alberghiero di Assisi.

La dirigente Tagliaferri: “Testimonianza di impegno e talento, ma anche della qualità dell’istruzione che offre il nostro Istituto”
Nel giro di pochi mesi, dalle Guide Michelin di Italia e Francia, due prestigiosi riconoscimenti per altrettanti ex alunni

ASSISI – Due chef che hanno studiato all’Istituto Alberghiero di Assisi e che hanno ottenuto un prestigioso riconoscimento nel giro di pochi mesi: si chiamano Giulio Gigli e Lorenzo Ragni, entrambi giovanissimi sulla trentina ed entrambi stellati Michelin.

Lorenzo Ragni, originario di Magione, classe 1992, diplomato chef all’Alberghiero assisano nell’anno scolastico 2010-11,  ha ottenuto in Francia, assieme alla sua compagna Florencia Montes, anch’ella chef e di origini argentine, l’importante riconoscimento durante l’annuale cerimonia della Guide Michelin France 2024. A essere premiata è la cucina del loro ristorante Onice in rue Antoine-Gautier a Nizza, nel quartiere degli antiquari della città della Costa Azzurra: per la giuria Guide Michelin France 2024, “Onice” ha grandi potenzialità e merita il riconoscimento di una stella.

 

A novembre invece l’edizione 2024 della Guida Michelin Italia ha assegnato una stella a tre ristoranti umbri, tra cui Une di Giulio Gigli a Capodacqua di Foligno. Gigli, classe 1987,  è stato un studente dell’Alberghiero e si è diplomato nell’anno scolastico 2005/06; due anni fa, da chef e proprietario del ristorante di Une ricavato in un mulino seicentesco mirabilmente ristrutturato, era tornato a scuola per regalare ai giovani ai giovani allievi un meraviglioso workshop presentando piatti, tecniche e innovazione che lasciavano già presagire il suo bellissimo cammino professionale.  

“Questi prestigiosi riconoscimenti – le parole della dirigente scolastica, Bianca Maria Tagliaferri – sono non solo la testimonianza del talento e dell’impegno degli allievi, ma anche della qualità dell’istruzione offerta dalla nostra scuola. Se infatti già a conclusione dei primi tre anni i nostri studenti possono vantare un diploma professionale spendibile nel mondo del lavoro, al termine dei cinque anni ricevono la qualifica di tecnico dei servizi turistici o dei servizi di ristorazione, che consente di intraprendere direttamente una carriera nel settore food ma anche di iscriversi all’università. Siamo profondamente orgogliosi del successo di Giulio e Lorenzo – dice ancora Tagliaferri – e continueremo a sostenere e ispirare gli studenti a raggiungere le loro ambizioni culinarie più elevate. Speriamo presto che i ‘nostri’ stellati tornino a trovarci, per offrire ai nostri studenti e studentesse un momento d’incontro con grandi professionisti del settore, che si sono formati proprio in questa scuola e che sono stati in grado di raggiungere e superare importanti traguardi”.

 

21/03/2024

Flavia Pagliochini
Giornalista, press & social communication

Lascia un commento