16.1 C
Bastia Umbra
17 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

FONTI E COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI: APPROVATO IL REGOLAMENTO PER IL COMUNE DI ASSISI.

Illustrato dall’assessore all’ambiente e all’energia Veronica Cavallucci in Consiglio Comunale che ha dato il via libera all’unanimità

Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità il nuovo regolamento comunale per l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili “Fer” e la promozione di Comunità energetiche rinnovabili “Cer”.
L’attuale regolamento sull’installazione delle fonti rinnovabili ad Assisi, il comune più vincolato d’Italia, risale al 2009 e ovviamente non è più rispondente alle esigenze della comunità in materia di energia rinnovabile e non più in linea con il quadro normativo vigente.
In aula l’assessore comunale all’ambiente e all’energia Veronica Cavallucci, nell’illustrare il provvedimento, ha spiegato che “il nuovo regolamento vuole essere da un lato uno strumento di semplificazione per i cittadini e per gli uffici e dall’altro rispondere all’esigenza di salvaguardare il paesaggio e il territorio in considerazione di uno sviluppo sul versante energetico- ambientale anche attraverso l’iniziativa economica privata e della tutela della salute e del paesaggio”.
Ripercorrendo l’iter che ha portato al nuovo regolamento, l’assessore ha ricordato che il Comune ha aderito al Patto dei Sindaci per un’attività a favore dell’energia rinnovabile e ha approvato il Piano di azione per energia sostenibile e il clima (cosiddetto Paesc) il quale impegna l’Ente ad una riduzione delle emissioni di CO2 (e possibilmente di altri gas serra) sul territorio di propria competenza, di minimo il 40% entro il 2030.
“Proprio questo obiettivo – ha aggiunto l’assessore – può essere raggiunto solo grazie ad un’implementazione dell’installazione di fonti Fer e alla costituzione di Cer e comunque non può mai trascendere il rispetto e la necessaria ponderazione di tutti i valori e gli interessi afferenti alla tutela territoriale e paesaggistica, intesa anche nella sua dimensione estetica”.
Entrando nel merito, con il nuovo regolamento vengono disciplinate le procedure tecnico – amministrative necessarie all’autorizzazione degli impianti a seconda della tipologia e potenza, in coerenza con l’attuale legislazione; vengono introdotti i principi per la costituzione di Cer condividendone la filosofia costitutiva; si delineano le tipologie costruttive degli impianti sulla base dei pareri espressi dalla Soprintendenza e in particolare per l’ambito di protezione speciale di Assisi per il quale si predilige l’installazione in copertura; si prevedono gli elaborati minimi e i meccanismi convenzionali con relative misure compensative per i grandi impianti Fer sopra 1 mw, semplificandone al contempo la procedura per impianti di minore potenza e infine vengono introdotti gli oneri istruttori come previsto da normativa.
L’amministrazione sta quindi promuovendo progetti per la costituzione di Comunità energetiche rinnovabili e a tal fine ha partecipato al bando dell’Unione Europea “Eucf” e il progetto del Comune di Assisi insieme a quello di altri 18 Comuni italiani è stato valutato di interesse e pertanto sono state aggiudicate risorse finalizzate a uno studio di fattibilità per la realizzazione della prima Cer presentata in occasione della Cop28 a Dubai.

“In conclusione con il presente regolamento – ha concluso l’assessore Cavallucci – si promuove la realizzazione di sistemi energetici di produzione e consumo basati sulle fonti rinnovabili e distribuiti a livello locale, allo scopo di massimizzare i benefici di sostenibilità dal punto di vista energetico, ambientale, economico e sociale nelle comunità. La nostra Cer sarà di tipo misto pubblico-privato con il Comune di Assisi soggetto promotore che potrà anche mettere a disposizione impianti e superfici di proprietà comunale”.
Nel dibattito è intervenuto anche il capogruppo del Movimento 5Stelle Isabella Fischi: “Il principio ispiratore alla base delle nuove regole è di bilanciare le esigenze connesse alla salute e al paesaggio con quelle degli investimenti privati in materia di energia rinnovabile. Siamo convinti che questo regolamento farà da apripista per la comunità energetica rinnovabile del Comune di Assisi, azione che abbiamo da sempre sostenuto con forza, in coerenza con la lotta ai cambiamenti climatici che fa parte ormai dei principi statutari della città serafica”.

Stemma
__________________
Ufficio Stampa
Città di ASSISI

Lascia un commento