10 C
Bastia Umbra
28 Febbraio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Cultura

PAPA FRANCESCO: I FRANCESCANI AIUTINO A COSTRUIRE PONTI DI PACE.

L’intervista esclusiva nel nuovo numero della rivista San Francesco

ASSISI (PG), 4 GEN – «C’è tanta crudeltà, molta gente in carcere per motivi politici, per questo chiedo ponti di pace. Questa è la grazia che dobbiamo chiedere a san Francesco e voi francescani dovete aiutare nella costruzione di questi ponti». Con queste parole papa Francesco si è rivolto ai frati del Sacro Convento nel corso dell’intervista rilasciata alla rivista San Francesco Patrono d’Italia, il mensile edito dai frati del Sacro Convento, di cui è in uscita in questi giorni il numero di gennaio.

L’occasione per il dialogo con il Santo Padre è stata lo scorso 29 dicembre, quando ha ricevuto in udienza il Ministro generale dei Frati minori conventuali fra Carlos Trovarelli, OFMConv, il Custode del Sacro Convento fra Marco Moroni, OFMConv, e il direttore dell’Ufficio comunicazione del Sacro Convento fra Giulio Cesareo, OFMConv.

«Il 29 dicembre abbiamo avuto la gioia di incontrare il Santo Padre Francesco – ha dichiarato fra Giulio –. Nel cuore mi portavo alcune domande, che si mescolavano da tempo con la mia e la nostra vita di figli e fratelli di san Francesco e con gli interrogativi e le provocazioni che tante persone di diverse culture, che ho la grazia di incontrare qui in Assisi, mi e ci pongono. Allo stesso tempo sono sempre più consapevole che la scelta del nome di Francesco da parte di papa Bergoglio è stata anzitutto una sua presa di coscienza di quanto il Santo di Assisi parli e sia significativo per le donne e gli uomini del nostro tempo, che condividono con noi la gioia e la responsabilità di vivere in questo grande “cambiamento d’epoca” (per fare riferimento a una felice espressione di papa Francesco stesso) che ci contraddistingue. Proprio per questo, di fronte a un continuo dire e ripeterci “in tutte le salse” – come società e ahimè anche come comunicatori – che viviamo tempi difficili e che siamo in un momento di declino – se non addirittura per certi versi “brutto” –  della storia dell’umanità, sentivo il bisogno di chiedere al Santo Padre se in fondo non sia il caso di provare a guardare sotto la superficie di ciò che succede per scoprire delle grazie e delle opportunità nascoste – dentro alle crisi, ai conflitti e al dolore – da cogliere, proteggere e favorire, affinché siano foriere di vita e benedizioni per l’umanità intera e, in particolare, per chi è ai margini e penalizzato. Desideravo un aiuto per riconoscere quali atteggiamenti fossero veramente irrinunciabili per accogliere da credenti il dono dello Spirito nelle relazioni di ogni giorno e testimoniare efficacemente la bella notizia del Vangelo di Cristo, alla maniera e nello stile di san Francesco, sebbene a 800 anni dalla sua esistenza storica».

Nel 2026, infatti, si celebreranno gli 800 anni dalla pasqua di Francesco d’Assisi, morto la sera del 3 ottobre 1226 presso la chiesetta di S. Maria della Porziuncola.

Nelle riflessioni del Santo Padre la figura di san Francesco, la sua attualità e il ruolo dei francescani e delle francescane – religiosi e secolari – nel mondo di oggi: a proposito di questo, l’importanza di testimoniare il perdono per tutti, anche nel sacramento della riconciliazione. «Quello che mi aspetto dai francescani – ha sottolineato il Papa – è che siano apostoli della riconciliazione e del perdono». E infine l’atteggiamento irrinunciabile, che riguarda ogni uomo e donna credente in Cristo: essere costruttori di ponti di pace in un mondo ancora colpito da tante guerre e ferito dalla violenza, anche domestica e sociale.

«Grazie Santo Padre – ha concluso fra Giulio -, perché il suo punto di vista, nutrito di sapienza e del ministero ecclesiale che esercita, è un dono prezioso per tutti noi che cerchiamo – pur tra mille povertà – di vivere secondo una logica di fraternità e di offrire un piccolo ma autentico contributo alla vita della Chiesa e del mondo in uno stile evangelico».

In questo numero della rivista San Francesco anche le interviste di approfondimento a suor Alessandra Smerilli e al sociologo Bruno Mastroianni sui temi del messaggio per la 57a Giornata Mondiale della Pace, il racconto del progetto Metamorfosi del laboratorio di liuteria e falegnameria del carcere di Opera a Milano e l’intervista esclusiva al neo direttore della Galleria Nazionale dell’Umbria Costantino D’Orazio.

Per abbonarsi alla rivista San Francesco:

https://www.sanfrancescoassisi.org/html/ita/donazioniRiv3.php?npf=formUniRiv

Il file completo del numero di gennaio della rivista in cui è contenuta l’intervista a papa Francesco è disponibile in forma gratuita a questo link: https://bit.ly/MEDIA_PRESS_KIT.

Per le foto della copertina e dell’intervista si ringrazia ©Vatican Media.


Sala Stampa – Andrea Rossi
Sacro Convento di San Francesco

Lascia un commento