24.1 C
Bastia Umbra
22 Luglio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Attualità

CARABINIERI: ATTIVITA’ ISTITUZIONALE E RISULTATI CONSEGUITI NEL 2023.

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Perugia, Colonnello Sergio Molinari, nella mattinata odierna, con l’approssimarsi dell’inizio del nuovo anno, ha incontrato i rappresentati degli organi di informazione per un cordiale scambio augurale e tracciare una sintesi delle attività condotte e dei risultati conseguiti dall’Arma nel 2023 sul territorio della provincia.

In premessa è stato ricordato come l’azione della Benemerita a livello locale sia incardinata in una collaudata ed efficace sinergia tra tutte le forze di polizia e Autorità/Enti istituzionali di riferimento, quali la Prefettura e Magistratura, nei diversi ambiti di competenza, nell’ottica di assicurare un quotidiano, costante e solidale sostegno alle numerose comunità per preservare l’ordine e la sicurezza pubblica, rinnovando il focus operativo sulla polizia di prossimità orientata ai cittadini.

Ciò è possibile attraverso la presenza capillare dei 9 Comandi Compagnia, articolati in 63 Stazioni, che agiscono nei 59 comuni della giurisdizione, con l’apporto dei Reparti di Specialità, in linea con gli indirizzi dettati dal Comandante della Legione Carabinieri “Umbria”, Gen. B. Gerardo IORIO.

L’Arma garantisce un servizio di “pronto intervento” in grado di gestire migliaia di chiamate attestate sul Numero Unico di Emergenza – NUE – “112” (48.555) e Numero di Emergenza Ambientale “1515” (8.000 circa), alle quali sono conseguiti interventi attraverso tutti gli assetti operativi del perugino, dalle pattuglie delle Stazioni alle “Gazzelle” dei Nuclei Radiomobili, ai militari delle Aliquote di Primo Intervento (API) e dei Nuclei Carabinieri Forestali.

Lo sforzo di proiezione esterna, in chiave principalmente preventiva, è confermato dai 36.350 servizi esterni e 3.600 circa in servizi di ordine e sicurezza pubblica, per un impiego di 75mila militari, cui è conseguito un costante controllo del territorio e della circolazione stradale: 115.080 le persone controllate e oltre 85.500 mezzi verificati.

Nel contrasto alla criminalità, sotto il coordinamento delle Procure della Repubblica di Perugia e Spoleto e della Procura presso il Tribunale per i Minorenni, l’azione delle donne e degli uomini dell’Arma ha determinato l’arresto di 466 persone (di cui, solo per citarne alcune, 25 per furto e 8 per rapina) e il deferimento in stato di libertà di altri 3.830 soggetti.

Elevato anche l’impegno per il contrasto allo spaccio di stupefacenti, caratterizzato da 60 arresti, 111 denunce a piede libero e oltre 39 kg di sostanze stupefacenti di vario genere sottoposte a sequestro per la successiva distruzione. Valori numerici significativi, quelli dell’Arma di Perugia nello specifico ambito criminale.

Anche sul restante fronte del contrasto alle varie forme di criminalità, rilevanti solo le percentuali dell’impegno dei Carabinieri sul territorio, dove i Comandi dell’Arma hanno proceduto per oltre l’80% dei reati al momento censiti.

Le operazioni di servizio condotte dai reparti dipendenti sono state sintetizzate in un documento allegato, che riporta i tratti salienti di quelle più significative, a cui poter fare utile riferimento.

Nel corso dell’anno numerose sono state inoltre le iniziative avviate con finalità preventive, massimizzando le attività informative a sostegno delle fasce deboli e dei giovani, che costituiscono una tra le priorità istituzionali a livello nazionale.

In tale ambito sono stati organizzati:

  • incontri programmati in 105 istituti scolastici, offrendo utili consigli e testimonianze, per alimentare la “Cultura della Legalità”, a circa 700 studenti delle scuole primarie e secondarie, che continueranno anche nel 2024 grazie alla collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria e Provinciale di Perugia;
  • eventi e campagne informative per il contrasto delle truffe, fattispecie delittuosa sempre più ricorrente anche nello spazio virtuale, che spesso colpisce persone anziane. In questo contesto è stato incrementato il costante confronto e contatto con tale fascia di popolazione, cui sono stati forniti, nei più diversi luoghi di aggregazione, consigli utili per tutelarsi efficacemente. Recentemente è stato realizzato e distribuito nella provincia un manifesto dal contenuto auto esplicativo “Difenditi dalle truffe…Se uno sconosciuto ti chiede denaro o gioielli…Chiama il 112”, affisso anche nelle stazioni del minimetrò del capoluogo e in altri punti strategici della provincia;
  • confronti con la cittadinanza, in risposta alle richieste dei residenti e associazioni di cittadini di alcune aree del capoluogo, per evidenziare la presenza rassicurante dell’Arma sul territorio e fornire consigli utili alla prevenzione dei reati contro il patrimonio.

Particolare attenzione, infine, è stata riservata alla rilevante e attuale tematica della violenza di genere, generalmente riassunta nella formula del “codice rosso”, altra priorità Istituzionale che vede costantemente coinvolta l’Arma in chiave preventiva e repressiva, ancor più in ragione della capillare presenza sul territorio dei propri presidi. Tra le recenti iniziative si ricorda l’inaugurazione, lo scorso 25 novembre (“Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”), di “Una stanza tutta per sé” all’interno dei locali della Compagnia di Spoleto, in collaborazione con SOROPMIST INTERNATIONAL.

Per quanto concerne l’opera svolta sul territorio dai Reparti di specialità, che affiancano e supportano l’Arma territoriale, rilevante è il contributo fornito alla sicurezza della provincia nei più diversificati ambiti di competenza tra i quali la tutela dei lavoratori, dell’ambiente, della salute e del patrimonio culturale.

Nel dettaglio:

  • il Gruppo Carabinieri Forestali ha arrestato 1 persona, segnalato all’autorità giudiziaria altre 261, per un totale di 391 violazioni, elevando 142 contestazioni amministrative per un valore di 560.614€, effettuando 49 sequestri penali e 42 amministrativi, nell’ambito di 23.094 controlli concentrati nel settore delle utilizzazioni boschive, della tutela del vincolo paesaggistico – ambientale, tutela della fauna protetta e non, nel settore relativo ai rifiuti e agli inquinamenti;
  • il Nucleo Antisofisticazioni e Sanità ha effettuato 108 ispezioni, eseguito 2 arresti, denunciato 34 persone per un totale di 74 violazioni penali, elevato 211 contestazioni amministrative per l’ammontare di 149.390 €, nonché eseguito 53 sequestri amministrativi per un importo di 289.700€ e 10 sospensioni di attività per l’ammontare di 5.340.000€;
  • il Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale ha effettuato 341 ispezioni, denunciato 62 persone per reati nel settore della contraffazione e illecita commercializzazione di opere d’arte, con 133 beni archeologici ed antiquariali rinvenuti e sequestrati;
  • il Nucleo Ispettorato del Lavoro ha effettuato 137 ispezioni, controllando 099 posizioni lavorative, da cui sono emerse 170 posizioni lavorative “in nero”, 479 lavoratori irregolari, 30 lavoratori clandestini, confluiti in 188 denunce penali ed 1 persona arrestata, 54 provvedimenti di sospensione delle attività controllate, del valore di 228.150 €, e sanzioni per i trasgressori pari a 731 contestazioni amministrative del valore totale di 638.940 €;
  • il Nucleo Operativo Ecologico ha eseguito oltre 14 controlli, segnalando all’autorità giudiziaria 23

Il bilancio di fine anno offre lo spunto per un sentito ringraziamento a tutti i giornalisti della provincia ed operatori del settore dell’informazione pubblica, della carta stampata,  televisione e dei canali web, per l’attenzione dimostrata verso le esigenze di comunicazione dell’Arma, nell’esercizio di una professione delicata ed impegnativa che, nel fornire un servizio indispensabile per la collettività, riveste anche un ruolo fondamentale di stimolo alla crescita sociale e culturale del paese.

A tutti grazie e buon lavoro, con l’auspicio che il nuovo anno sia ricco di ogni desiderata soddisfazione.

 

 

DATA

(REPARTO/COMPAGNIA

INTERESSATI)

 

OPERAZIONI/ATTIVITA’ DI RILIEVO 2023

21 febbraio

(Città di Castello)

In Città di Castello e San Giustino, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, all’esito di attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia, hanno eseguito una misura cautelare a carico di quattro persone, ritenute responsabili di due episodi di rapina a mano armata consumati ai danni di altrettanti distributori di carburante ubicati lungo gli assi viari dell’alta valle.
11 marzo

(Foligno)

In Foligno, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della Stazione, all’esito di attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Spoleto, hanno eseguito misura cautelare a carico di due persone, tratte in arresto poiché ritenute responsabili dei reati di tentato sequestro di persona, atti persecutori, violenza privata, tentate lesioni personali e porto abusivo di armi.
14 marzo

(Assisi)

In Valfabbrica, i Carabinieri della locale Stazione, all’esito di indagine, hanno arrestato un cittadino straniero colpito da provvedimento di cattura emesso dal Tribunale distrettuale degli Stati Uniti – New York, ritenuto responsabile del reato di truffa aggravata ai danni dell’erario americano per una cifra pari a 100 milioni di dollari.
31 marzo

(Città di Castello)

In Città di Castello, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, nel corso di specifici servizi in materia antidroga, hanno arrestato in flagranza di reato una persona sequestrando kg 3,2 di “cocaina”, che aveva interrato in area boschiva del comune, oltre a 50 g della stessa sostanza rinvenuti a seguito di perquisizione domiciliare.
6 aprile

(Assisi)

In Assisi, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, all’esito di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari a carico di quattro soggetti, ritenuti autori di tre rapine, due consumate ad Assisi ed una a Perugia. Le vittime venivano “agganciate” tramite social.
4 maggio

(Gubbio)

In Fossato di Vico, la locale Stazione ha arrestato un cittadino romano, ritenuto responsabile di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, poiché sorpreso in possesso di circa 6 kg di hashish, suddivisi in 60 panetti, occultati a bordo della propria autovettura.
29 giugno

(Nucleo Investigativo)

 In Perugia, i Carabinieri del Nucleo Investigativo, a conclusione di complessa indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare in carcere e agli arresti domiciliari emessa nei confronti di cinque soggetti di origini albanesi, responsabili dei reati, continuati e in concorso, di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti nonché furto aggravato in abitazione, avendo individuato i medesimi quali autori seriali di 26 furti, per un danno complessivo arrecato pari a 120 mila euro circa. Le investigazioni hanno consentito di arrestare in flagranza di reato quattro persone, sequestrare 8,6 kg di droga, del tipo cocaina e marijuana, e quattro autovetture utilizzate per la consumazione dei reati predatori.
2 luglio

(Spoleto)

In Spoleto, l’operatore della Centrale Operativa riceveva sull’utenza telefonica 112 una richiesta di aiuto da parte di una bambina di 11 anni che invocava l’intervento di personale poiché il padre stava picchiando la madre e temeva anche per l’incolumità del fratello di soli 8 mesi. Il militare, nel mentre intratteneva al telefono la bambina, dicendole di mettersi al sicuro col fratellino, così da tranquillizzarla, inviava sul posto un equipaggio della dipendente Aliquota Radiomobile che arrestava in flagranza di reato il padre dei due minori per “maltrattamenti in famiglia e lesioni personali” nei confronti della moglie e della figlia.
 7 ottobre

(Assisi)

In Assisi, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, all’esito di attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica perugina, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti che si erano resi responsabili di due rapine agli Uffici Postali di Brufa ed Ospedalicchio, nonché di una terza ad una farmacia di Perugia.
5 novembre

(Assisi)

In Assisi, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno arrestato una persona nella flagranza dei reati di tentato omicidio e rapina aggravata, in quanto presso la Stazione Ferroviaria di “Assisi – Santa Maria degli Angeli”, aveva accoltellato alla gola un altro soggetto, ferendolo gravemente.
20 novembre

(Città di Castello)

In Citerna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo, a conclusione di complessa indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia, hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare in carcere emessa nei confronti di un cittadino romeno 50enne, ritenuto responsabile di omicidio volontario e violenza sessuale consumati a fine novembre dello scorso anno nei confronti di una cittadina tedesca 70enne, ivi residente.
24 novembre

(Perugia)

In Torre del Greco (NA), i Carabinieri della Stazione di Perugia – Fortebraccio e della Sezione Operativa della Compagnia di Perugia, al termine di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo, condotta per i reati di tentata estorsione aggravata e danneggiamento in concorso nei confronti di un imprenditore perugino, hanno arrestato in esecuzione di misura cautelare in carcere due soggetti pluripregiudicati della zona. Contestualmente gli stessi sono stati sorpresi in possesso di due pistole con matricola abrasa e relativo munizionamento, considerate armi clandestine.
18 dicembre

(Nucleo Investigativo)

In Perugia, i Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno arrestato in flagranza di reato, per detenzione di quantità ingenti di droga, un cittadino francese 59enne ed uno nigeriano 35enne, residente a Perugia. Nella circostanza sono stati sequestrati oltre 3 kg tra eroina, cocaina e 1000 pasticche di un nuovo micidiale tipo di ecstasy solo recentemente giunto in Italia, il “blu punisher”. I due soggetti sono stati associati alla locale Casa Circondariale.

29/12/2023

Comando Provinciale Carabinieri di Perugia

Lascia un commento