12.8 C
Bastia Umbra
28 Febbraio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Economia Politica

ASSISI, APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2024-2026

 Importanti investimenti in opere pubbliche, sociale,

promozione turistica e cultura

Oltre 15 milioni di investimenti PNRR

Assisi conferma il no all’Irpef comunale

Nuove assunzioni e più risorse per manutenzioni, scuole e servizi


Il Consiglio comunale di Assisi, nella seduta del 28 dicembre 2023, ha approvato a maggioranza, nei termini previsti dalla legge, il bilancio di previsione 2024-2026, che è stato varato dall’amministrazione nonostante la difficoltà economiche del momento. Una buona prassi per il Comune di Assisi, che entra così in piena attività già dal primo gennaio 2024, senza esercizio provvisorio ed ottemperando pienamente alla normativa, con un comportamento virtuoso in grado di far acquisire i seppur pochi vantaggi amministrativi previsti dalla legge nazionale.

 

Per i cittadini di Assisi, nel 2024, non ci saranno aumenti di imposte comunali e non viene istituita l’addizionale Irpef comunale: giova ricordare che la Città Serafica è tra i pochissimi comuni italiani a non imporre ai cittadini la tassa addizionale Irpef comunale. L’Irpef (Imposta sui Redditi delle Persone Fisiche) è l’imposta dovuta dalle persone fisiche per il possesso dei redditi da fabbricati e terreni, da capitale, da lavoro autonomo, dipendente e pensione, dei redditi di impresa. Una parte di questa tassa è costituita dall’addizionale regionale, che viene incassata dalla Regione Umbria, i Comuni possono imporre a propria discrezione questo tributo. Assisi rimane così l’unico comune in Umbria, sopra i 2000 abitanti (solo 6 piccoli comuni non hanno questa tassa nella nostra regione), a non imporre questa tassa locale, evitando di prelevare direttamente dai redditi, dagli stipendi e dalle pensioni un gettito di circa 3 milioni di euro.

Nonostante ciò si conferma il mantenimento di tutti i servizi tra cui quelli destinati a mense, libri e trasporti scolastici, che vengono confermati per oltre il 50% a carico dell’Ente e non delle famiglie, con attenzione alle fasce più deboli della popolazione. Viene integralmente confermato anche l’investimento sulla natalità con il bonus “Bimbi Domani”, che ormai ha superato le 1000 card da 500 euro, consegnate direttamente alle famiglie con bambini.

Si punta anche all’assunzione di nuovo personale, confermando il trend positivo dell’Ente, che ha immesso in ruolo circa 30 nuove risorse umane negli ultimi mesi, con al contempo più risorse per scuole e manutenzioni del territorio e con la programmazione di notevoli investimenti economici per lo sviluppo economico, sociale e culturale. Grande attenzione anche agli investimenti nel sociale, che aumentano nella parte finanziata da risorse comunali.

 

“È stato un percorso impegnativo – ha sottolineato il sindaco, Stefania Proietti – ma ampiamente condiviso con tutta la maggioranza, la giunta e i consiglieri, che hanno lavorato intensamente e a lungo per raggiungere questo risultato, nel pieno rispetto dei termini di legge. Nonostante i tagli agli enti locali esercitati dal Governo siamo soddisfatti, perché il Comune di Assisi ha i conti in ordine, è un ente virtuoso ed è in grado di affrontare nuove sfide, senza alcun ulteriore prelievo dalle tasche dei cittadini e con investimenti significativi per il futuro della comunità. Nonostante le difficoltà che tutti gli enti locali incontrano nella parte corrente del bilancio, dovute alla crisi congiunturale, all’incremento stabilizzato dei costi dell’energia, delle forniture e dei materiali dovuto all’inflazione, alla mancanza di ristori e al taglio di trasferimenti da parte del Governo, siamo riusciti ad approvare il bilancio di previsione in equilibrio ed entro l’anno, nonostante la legge ci avrebbe consentito di arrivare al 15 marzo 2024. Questo permette al nostro Comune di non andare in esercizio provvisorio, ma di essere subito operativo con un vero ed efficace documento di programmazione”.

 

La minoranza – fatta eccezione per il consigliere Francesco Mignani che ha partecipato all’intera seduta e per il consigliere Jacopo Pastorelli, che è stato presente solo per una parte della stessa – non era presente in aula. Rispetto al documento presentato dalla Giunta comunale e illustrato da sindaco e assessori, non è stato presentato alcun emendamento.

 

Nel dettaglio del bilancio 2024-2026, l’amministrazione comunale ha innanzitutto deciso di non prevedere alcun aumento di imposte e tasse, né tantomeno l’istituzione di nuove tasse come l’addizionale Irpef comunale.

“Il nostro Comune – ha spiegato il primo cittadino – è ancora tra i pochi comuni in Umbria e in Italia che non ha imposto l’addizionale Irpef comunale: si tratta di circa 3 milioni di euro che non vengono prelevati dalle tasche dei cittadini. Ciò è ancora più significativo, considerando la notevole diminuzione di entrate correnti”.

 

Per quanto riguarda la Tari, la previsione di bilancio è presunta pari a quella del 2023, sebbene l’approvazione delle tariffe 2024 da parte del Consiglio comunale avverrà in un secondo momento in base alle decisioni imposte dall’ARERA. Le aliquote IMU non vengono aumentate, permangono le agevolazioni già previste nel 2023, pur diminuendo il fondo di solidarietà trasferito dallo Stato al comune ed aumenta la quota vincolata ed accantonata del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità imposto ai comuni dal patto di stabilità.

 

Nelle linee del bilancio è stata privilegiata, in continuità con l’azione precedente, l’attenzione verso le famiglie, le fasce deboli, i nuovi nati, gli studenti e la scuola. Per quanto riguarda l’imposta di soggiorno, sulla base delle presenze turistiche registrate nel 2023, in netto aumento rispetto al 2022, si stima un introito maggiore e pari a oltre 2 milioni di euro.

 

Particolare attenzione anche all’ambiente e all’efficientamento energetico, anche con il reperimento di risorse diverse e fondi PNRR. “Assisi – ha evidenziato il sindaco – ha dimostrato di avere tutte le caratteristiche per diventare la prima città con una comunità energetica pubblico-privata che coinvolgerà imprese, comune, famiglie con la finalità di ridurre la dipendenza dalle fonti fossili e le emissioni inquinanti e, al contempo, di mettere un freno al caro bollette. È un progetto pilota di energia sostenibile prodotta nel territorio, che coinvolge le aziende del territorio e che risulta allo stadio più avanzato nel panorama nazionale”. Per quanto riguarda gli effetti legati alla crisi climatica, è stato sottolineato che “oltre 2 milioni di euro saranno destinati al ‘Piano strade di montagna’, cioè alla sistemazione e riqualificazione delle strade delle frazioni duramente colpite dalla serie di alluvioni degli ultimi mesi, che hanno provocato anche l’esondazione del Tescio”.

 

Grande attenzione anche alla manutenzione del patrimonio, del verde e dell’edilizia scolastica. Ingenti risorse verranno investite nella riqualificazione e manutenzione delle scuole e nelle politiche scolastiche, che rappresentano una priorità per l’amministrazione comunale. Verranno garantiti maggiori servizi e opportunità in ambito formativo, mentre le tariffe di mense e trasporto non prevedono aumenti e rimarranno per il 50% a carico del Comune e comunque adeguate alle fasce di reddito Isee, con importi più bassi per le fasce deboli.
Completamente rispettato l’obbligo imposto dallo Stato del fondo crediti di dubbia esigibilità, finalizzato alla salvaguardia degli equilibri di bilancio e al rispetto dei principi di sana gestione finanziaria, che per il 2024 è pari ad € 2.688.914,85 e vincola ulteriormente le spese dell’ente impedendo la destinazione integrale di poste di entrata previste in bilancio, come le entrate tributarie ed extratributarie. Attualmente risultano accantonate in questo fondo risorse per euro 15.900.000,00 a cui si somma la quota che si va ad accantonare in questo bilancio di previsione 2024.

Le entrate extratributarie per i proventi dei parcheggi comunali, l’imposta di soggiorno, i canoni di concessione delle reti del gas metano, gli introiti della farmacia comunale sono previsti in aumento nel 2024 sulla base dei dati consuntivi del 2023 e delle previsioni di flussi.

 

Il sindaco, a margine del suo intervento, ha anche evidenziato che “grazie alla produttività dei nostri uffici, stiamo portando avanti senza ritardi e con la massima efficienza ben 15 milioni di euro di investimenti intercettati tramite il PNNR e vantaggio dello sviluppo della comunità che riguarderanno la costruzione di nuovi asili nido, il miglioramento e l’efficientamento energetico di importanti patrimoni pubblici, la rigenerazione urbana e la digitalizzazione”.

 

“Inoltre – ha spiegato ancora il sindaco – siamo riusciti ad intercettare risorse straordinarie dall’amministrazione centrale, come i 9,5 milioni di euro da destinare alla riqualificazione delle mura urbiche e siamo impegnati quotidianamente nella ricerca di risorse statali, regionali ed europee con la priorità di abbattere il più possibile le barriere architettoniche e rendere la nostra città universale, sempre più accessibile a tutti, persone con disabilità o fragilità temporanee.” Su questo punto il Sindaco ha mostrato in aula il documento elaborato dagli uffici tecnici per il Piano di Abbattimento delle Barriere Architettoniche (PEBA) nei luoghi pubblici che, per un primo stralcio, prevede costi di oltre 20 milioni di euro ed ha chiesto la collaborazione attiva anche della minoranza per intercettare a livello statale o europeo queste risorse che non sono alla portata del solo bilancio comunale.

 

“Stiamo anche investendo – ha continuato il sindaco – nelle attività legate ai Centenari francescani, con capitoli appositamente destinati nel bilancio e finanziati con imposta di soggiorno, mentre circa 2 milioni euro sono stati previsti nella Legge Speciale sul centenario del 2026 per il Fondo antico comunale, che custodisce anche il codice 338 la prima versione scritta del Cantico delle Creature”.

 

Il primo cittadino, che ha anche la delega al bilancio, ha voluto ringraziare tutto il personale comunale, i dirigenti, la responsabile del bilancio e la dirigente finanziaria, il segretario generale, il collegio dei revisori dei conti, la giunta comunale e i consiglieri di maggioranza “per la condivisione, la collaborazione, l’ampio esame e l’impegno da tutti profuso nel raggiungere un risultato importante per il Comune e per tutta la città e la comunità di Assisi”.

 

 

ALCUNI PUNTI CHIAVE DEL BILANCIO DI PREVISIONE 2024

 

RISORSE UMANE

Si investe per le risorse umane, prevedendo la spesa per finanziare le assunzioni programmate nel piano del fabbisogno di personale 2024-2026, con 21 nuove assunzioni a tempo indeterminato.

 

INVESTIMENTI IN OPERE PUBBLICHE: SCUOLE, DIGITALIZZAZIONE, LUOGHI DELLA CULTURA, STRADE

Importanti investimenti pubblici nella riqualificazione del patrimonio comunale, continuando nella ricerca e applicazione di risorse da altri enti pubblici, mantenendo l’attenzione non solo al centro storico ma anche alle frazioni e all’intero territorio comunale di Assisi.

 

  • 800mila euro nel 2024 per il nuovo sistema di risalita meccanizzata con abbattimento delle barriere architettoniche nel parcheggio di Porta Nuova
  • 400mila euro per la manutenzione del patrimonio comunale e della viabilità;
  • 042.000 €. destinati alla manutenzione straordinaria delle scuole, realizzazione di mense e servizi e miglioramento dell’efficienza energetica, finanziate sia con entrate proprie del Comune sia con contributi statali e regionali;
  • 500.000,00 €. è l’investimento per la riqualificazione e risanamento delle mura urbiche “Assisi e le mura di città”, in corso di finanziamento con fondi statali Dipartimento Casa Italia;
  • 1315mila euro nel 2024 (contributi regionali e mutui) per riqualificazione del patrimonio comunale e di importanti luoghi della cultura quali teatro Metastasio, palazzo Vallemani – Archivio della Biblioteca comunale;
  • per l’efficientamento energetico sono previsti investimenti per 474.000,00 relativamente alla convezione Consip luce 4, finanziati con fondi di bilancio comunale. Dal 2025 a detta somma si aggiungono ulteriori 260.000,00 € di contributi di privati (inerenti proprio la previsione contrattuale di Consip luce 4 a carico della ditta affidataria);
  • 600mila euro previsti per consolidare dissesti idrogeologici (completamento frana Torgiovannetto, con ulteriore contributo regionale);
  • per la viabilità e le infrastrutture stradali sono stati finanziati interventi per € 4.210.000,00 (mediante assunzione di mutui, contributi statali, regionali e fondi PNRR);
  • 900 mila euro sono previsti per il completamento delle opere e il riattamento immobili dei privati danneggiati dal sisma ’97;
  • 543mila di euro di manutenzione dei cimiteri;
  • per lo sport e attività di tempo libero sono previsti investimenti per 2.226.000,00 €. (mediante entrate proprie dell’ente, partecipazione a bandi, contributi di PNNR, contributi diversi);
  • sono stati previsti 140.000,00 euro per la realizzazione del piano dell’arredo urbano di competenza del Comune. Parimenti in parte corrente sono previsti €. 150,000,00 per i contributi a privati per l’adeguamento al piano per l’arredo urbano, da erogarsi mediante appositi bandi pubblici. Il tutto finanziato con proventi legati all’imposta di soggiorno.
  • 000,00 €. l’investimento per la realizzazione della Via di Francesco, inerente lo sviluppo dell’offerta turistica legata ai cammini religiosi, che verrà finanziata dal Fondo cammini religiosi del Ministero del Turismo
  • 1,350,000,00 €. nel 2024 e 400.000,00 € nel 2025, per sedi proloco e protezione civile (Petrignano, Rocca Sant’Angelo, Capodacqua, Costa di Trex);

 

TURISMO E CULTURA

Dopo il successo del 2023, grazie agli introiti dell’imposta di soggiorno si continuerà ad investire  nella destagionalizzazione turistica, nelle attività culturali e negli eventi (dalla stagione del teatro comunale Lyrick alla stagione estiva con i grandi concerti alla Rocca Maggiore ed in Piazza del Comune, dagli eventi legati al centenario francescano al Calendimaggio, al Palio e al Natale), nelle attività di promozione e di marketing territoriale che hanno portato ai numeri straordinari di presenze turistiche che hanno raggiunto il record storico nel 2023.

 

 

PIÙ MANUTENZIONE DEL VERDE

Stanziati maggiori fondi per la cura straordinaria del patrimonio arboreo, per la convenzione con AFOR per €. 60.000,00 oltre a maggiori fondi alla manutenzione ordinaria del verde. Stanziati anche i fondi per la gestione dell’Associazione dei Comuni del Parco del Subasio (25mila euro) e 110mila euro di manutenzioni straordinarie e delle alberature per il completamento del progetto Parco Regina Margherita (Pincio).

 

SCUOLA

Confermato il finanziamento dei libri per gli studenti della scuola primaria, con un impegno a carico del Comune di Assisi per 42mila euro, in un risparmio diretto per le famiglie. Si incrementa l’importo dei contributi destinati a finanziare il piano dell’offerta formativa delle scuole del territorio, con la previsione di ben 60.000 euro per incrementare il tempo prolungato.

 

SOCIALE E POLITICHE PER LA FAMIGLIA E PER L’ ACCESSIBILITA’

Oltre 690mila euro per rette di ricovero da destinare a minori in comunità, anziani e affidi dal corrente bilancio comunale. Confermato il bonus “Bimbi domani” (500 Euro per ogni nuovo nato) anche per il 2024. Continuiamo a sostenere le situazioni di fragilità economica insieme agli enti di volontariato del territorio, anziani in case di riposo e famiglie con disabilità, associazioni del settore socio-sanitario e centri diurni per bambini e adulti, per dare sollievo a famiglie e comunità. Investiamo nelle case popolari e nel sostegno degli affitti. La missione politiche sociali e famiglia (missione 12) è pari a 6.874.000 euro per il 2024. Oltre al progetto di abbattimento delle barriere architettoniche nel privato e nelle aree pubbliche, vengono finanziati con imposta di soggiorno due importanti progetti per i percorsi accessibili ed universali, anche attraverso tecnologie innovative e digitali, da dedicare a tutti i cittadini, alla comunità di Assisi e ai visitatori e ai turisti che per noi sono “cittadini temporanei”.

 

Il collegio dei revisori dei conti, presieduto dalla Dottoressa Caterina Brescia, ha dato parere favorevole al bilancio di previsione 2024, attestandone la completa congruità ai principi della finanza pubblica. Il voto favorevole della commissione consiliare e della maggioranza dei consiglieri ha sancito l’approvazione, nei termini di legge, della manovra di bilancio del Comune di Assisi per gli anni 2024-2026

 

Stemma
__________________
Ufficio Stampa
Città di ASSISI

Lascia un commento