23.8 C
Bastia Umbra
12 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra

Discorso del Sindaco Paola Lungarotti per il Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate.

Autorità civili, militari, politiche e religiose, Associazioni degli ex combattenti, concittadini e concittadine, cari studenti e care studentesse, Personale della Scuola tutta, celebriamo oggi il 4 novembre, dopo il maltempo che ieri ha impedito la commemorazione come da programma. Celebriamo un  giorno di Festa, come lo fu il 4 novembre 1918 con la fine della Prima Guerra Mondiale.

Come ogni anno abbiamo aperto le commemorazioni con la deposizione delle corone di alloro  per tutti i caduti e i dispersi di tutte le guerre  e ringraziamo i militari in servizio in Italia e nelle missioni internazionali di pace all’estero. Come ogni anno ci ritroviamo commossi e silenziosi di fronte ai monumenti  ai caduti del nostro Comune, Ospedalicchio, Costano, Bastia centro, perché la memoria rimanga sempre viva e il loro esempio mai dimenticato. Come ogni anno il nostro tributo non va solo a coloro che non ci sono più, il nostro sguardo e il nostro ringraziamento va anche a tutti coloro che ogni giorno difendono la pace, la libertà, la dignità della persona.

Non basta però solo commemorare e ringraziare. Non basta ritrovarci qui tutti gli anni per festeggiare l’Unità Nazionale e le Forze Armate proclamando propositi e buone volontà, il sacrificio e l’impegno di altri verso di noi hanno valore se attecchiscono autenticamente nei cuori di ciascuno di noi, se nel profondo crediamo nei grandi valori che sono le fondamenta dell’umanità e di un credo comune, la Pace, il rispetto, la solidarietà, l’accoglienza, l’amore per il prossimo. Allora il sacrificio di ieri è tesoro del vivere comune di oggi.

Una riflessione profonda accompagna il gesto della deposizione delle Corone, ricordare la storia per vivere e promuovere la Pace dalle dimensioni locali, per costruire un futuro di pace nell’ aprirsi oltre ogni confine con la forza del dialogo e delle nostre azioni, perché nessuno sacrificio sia invano, perché la nostra libertà ha senso quando costruisce la libertà dell’altro.

“Difendiamo la pace ogni giorno” è scritto nel manifesto del Ministero della Difesa, questo è quello che dobbiamo fare, che ci dobbiamo sforzare di realizzare ogni giorno in questo particolare contesto storico in cui atroci guerre segnano l’umanità.

 

Verso i nostri figli, verso i nostri bambini abbiamo dei doveri irrinunciabili, quello dell’esempio innanzitutto, essere da esempio nel trasmettere i valori della persona, dell’unità, del rispetto, dell’accettazione, tutti sinonimi della parola Pace.

La pace non è solo assenza di conflitti e di guerre, la pace è una predisposizione d’animo che si costruisce giorno dopo giorno, fuori e dentro le mura della casa. La pace è vedere orizzonti di dignità e rispetto. La pace è ciò che recita l’articolo 11 della nostra Costituzione: “l’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”. Nel nostro quotidiano, rinnegare la guerra vuol dire vincere l’egoismo umano, sempre pronto a dichiarare nuovi conflitti per smania di potenza e sopraffazione, combattere l’ignoranza e il disimpegno civico.

 

Non bastano le parole, servono i fatti, ciascuno di noi è chiamato alla pace.  Così commemoriamo tutti quei giovani che chiamati alla guerra lasciarono affetti, quotidianità, aspirazioni, desideri e, come sacrificio massimo, la vita.  Alimentare la guerra è molto più facile che promuovere la pace, la guerra è irresponsabilità, la pace responsabilità, la guerra ci limita gli orizzonti, la pace ci spinge ad orizzonti possibili.

 

Nel 2021 abbiamo conferito la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, a quel soldato che senza nome rappresenta e perpetua nel tempo il simbolo del sacrificio massimo, la vita per gli altri, a Costano abbiamo ripercorso la strada della Rimembranza dove sono state provvisoriamente poste le targhe dei ragazzi costanesi caduti nella prima e seconda guerra mondiale, del rinnovato ricordo dei caduti in guerra, ad Ospedalicchio e Bastia ci siamo stretti intorno ai monumenti con i loro nomi.

Da una cerimonia alla nostra quotidianità, al nostro incontrarsi tutti i giorni, alla relazione, al dialogo, alla disponibilità e all’impegno comune, questa è la chiamata a cui tutti dobbiamo rispondere.

Non siamo soli. Grazie a tutti gli uomini e le donne delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine che ogni giorno garantiscono la nostra libertà, a loro, a chi è impegnato nelle missioni va tutta la nostra riconoscenza, garanti dell’identità nazionale e dei valori su cui si fonda la nostra democrazia. Con loro ringrazio i volontari che affiancano le Forze Armate e le Forze dell’Ordine ogni volta che la popolazione ha bisogno di cura e sostegno, la Protezione Civile, la Croce Rossa Italiana, ogni volontario impegnato nelle emergenze.

Grazie a tutti i cittadini e le cittadine, alle autorità civili e religiose, alle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, a Orlando Giuliani della Banda Musicale di Costano che ha suonato il Silenzio, ai parroci, al Comitato San Rufino di Costano, a tutte le scuole presenti, agli studenti, alle loro famiglie, agli insegnanti e alle insegnanti, alle Dirigenti, per il grande impegno e per le grandi emozioni, per aver ricordato insieme il sacrificio e il valore della pace e della libertà.

Viva l’Italia e tutti coloro che si riconoscono in uno Stato unito e lo difendono con gli strumenti della Pace.

 

06/11/2023

Il Sindaco Paola Lungarotti

Lascia un commento