10.8 C
Bastia Umbra
26 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Cultura

Democrazia e partecipazione i temi della Scuola socio-politica “Giuseppe Toniolo” di quest’anno.

Al via il ciclo di lezioni: il 16 novembre primo incontro con monsignor Luigi Renna

Il direttore Francesca Di Maolo: “Tutti siamo chiamati a impegnarci per il bene comune”

 

ASSISI – Democrazia e partecipazione sono i temi del ciclo di lezioni dell’edizione 2023-2024 della Scuola Socio-politica diocesana “Giuseppe Toniolo”, la cui inaugurazione è fissata per giovedì 16 novembre alle ore 18,30 presso l’Istituto Serafico con la relazione di monsignor Luigi Renna, arcivescovo metropolita di Catania.

“Il beato Toniolo, al cui pensiero la nostra Scuola diocesana si ispira – spiega il direttore Francesca Di Maolo – nel lontano 1897 scriveva: ‘La democrazia nel suo concetto essenziale può definirsi: quell’ordinamento civile nel quale tutte le forze sociali, giuridiche ed economiche, nella pienezza del loro sviluppo gerarchico, cooperano proporzionalmente al bene comune, rifluendo nell’ultimo risultato a prevalente vantaggio delle classi inferiori’. La democrazia non va confusa con il mero esercizio del diritto di voto: è molto di più. La democrazia – aggiunge Di Maolo – presuppone che sia riconosciuta ad ogni persona la stessa dignità fondamentale e richiede l’accesso di ognuno ai diritti sociali: all’educazione, all’assistenza sanitaria e al lavoro. La democrazia ha bisogno della partecipazione di tutti e nessuno può chiamarsi fuori dalla realizzazione del bene comune. Una partecipazione che non attiene solo al campo del fare e delle buone pratiche, ma che ha bisogno di capacità di pensiero e di visioni. Per questa ragione, in cammino verso la 50esima Settimana Sociale, che si svolgerà a Trieste dal 3 al 7 luglio, abbiamo pensato a lezioni frontali con momenti di ascolto e di scoperta delle buone pratiche, quelle esperienze innovative presenti sui territori che rappresentano le espressioni migliori della nostra società e che possono davvero cambiare il corso della storia”. Il calendario della Scuola prevede altri 11 incontri, oltre a quello inaugurale con docenti, esperti e accademici di livello nazionale. Il secondo incontro, in programma il 29 novembre, vedrà come relatore il vescovo diocesano, monsignor Domenico Sorrentino, profondo conoscitore del Toniolo e postulatore della causa di Beatificazione. Il 12 dicembre sarà la volta di Luca Ferrucci che affronterà il tema: “Guerra e democrazia”, mentre il 10 gennaio, Giorgio Mion, si occuperà di “Terzo settore e partecipazione democratica”. Mauro Volpi, il 31 gennaio, parlerà di “Democrazia e partecipazione nella Costituzione italiana”.

Seguiranno le lezioni del 5 febbraio con un focus sulle “Buone pratiche” e la figura di Valter Baldaccini e quella del 28 febbraio di Mauro Magatti su “Dialogare tra diversi per preservare la democrazia”. Il 6 marzo si parlerà ancora di buone pratiche con la storia e l’impegno di Franco Chianelli, fondatore del Comitato per la vita “Daniele Chianelli” e il 3 aprile con l’attività dell’associazione Vi.Va. Di cittadinanza attiva e consapevole parlerà il 21 marzo Giuseppe Notarstefano. Prevista una lezione con l’intervento del segretario nazionale della Cisl, Luigi Sbarra. Mentre la chiusura della Scuola che si terrà il 19 aprile, a cura della Pastorale sociale della diocesi di Perugia, sarà un convegno dal titolo: “La visione profetica di Alcide De Gasperi”.

Per partecipare alla Scuola è necessario compilare la scheda di iscrizione, disponibile sul sito internet della Diocesi di Assisi al seguente link https://www.diocesiassisi.it/scuola-socio-politica/.

 

Per informazioni e invio del modulo, compilato e sottoscritto, far riferimento alla email della segreteria: scuolasp@assisi.chiesacattolica.it. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza a quanti si saranno iscritti con l’apposito modulo di partecipazione.

 

Assisi, 9 novembre ’23

 

Antonella Porzi

Ufficio stampa Diocesi Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino

Lascia un commento