22.1 C
Bastia Umbra
23 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

DOPO LA LAUDATE DEUM, L’AMMINISTRAZIONE LANCIA IL MANIFESTO ‘ASSISI 2025’ IN 10 PUNTI PER LA SOSTENIBILITA’.

IL COMUNE PARTECIPERA’ ALL’EVENTO COP28 A DUBAI CON IL PROGETTO COMUNITA’ ENERGETICA RINNOVABILE

Proprio nel giorno di San Francesco il Papa ha diffuso l’esortazione apostolica Laudate Deum, un’esortazione che segue a otto anni l’enciclica Laudato sì’, dedicata alla crisi climatica e invitando a riconoscerla come un “problema sociale globale”.

Le 12 pagine rappresentano un nuovo appello per affrontare la questione in un momento di profonda preoccupazione per gli effetti dei cambiamenti climatici su tutto il pianeta.

 

Il sindaco di Assisi Stefania Proietti fa proprio l’invito del Pontefice a mettere in campo tutte le azioni possibili per contrastare la crisi climatica e ambientale e custodire il Creato passando dalle parole ai fatti e in vista dell’ottavo centenario del Cantico delle Creature lancia il manifesto ‘Assisi 2025’.

“Come città-messaggio della Laudato sì’ – afferma il sindaco – vogliamo elencare i 10 punti che racchiudono altrettanti obiettivi di sostenibilità che il Comune intende conseguire a pieno entro questa data storica per la città serafica e per il mondo. Oggi Papa Francesco, per noi punto di riferimento anche sociale e politico, torna in maniera forte su uno dei temi che più di altri lo allarma e sul quale da tempo ha posto la sua attenzione. Già nella Laudato si’ aveva esortato il mondo della politica a non avere uno sguardo miope e a cambiare  gli stili di vita che stanno distruggendo l’ambiente. Con la Laudate Deum grida più forte il suo appello per scuotere le coscienze dei cittadini e dei governanti, abbiamo tutti il dovere di accoglierlo e agire di conseguenza perché se una azione, anche buona, non può cambiare il mondo, 8 miliardi di azioni possono cambiare il mondo!”.

Ecco i contenuti del manifesto ‘Assisi 2025’, che riprende gli obiettivi del documento unico di programmazione del mandato amministrativo:

 

  1. Riduzione delle emissioni

Patto dei sindaci e piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima: 40% di emissioni di CO2 in meno anticipando al 2025 il traguardo 2030 e partecipazione alle conferenze

 

 

 

internazionali delle Nazioni Unite con le buone pratiche messe in campo a livello comunale

 

  1. Valorizzazione del Parco del monte Subasio e del patrimonio naturalistico SIC e Natura 2000 (anche la Valle del Tescio)

 

  1. Verso un centro storico “oltre l’auto”

 

  1. Creazione, attivazione e gestione della prima comunità energetica rinnovabile di Città (progetto che sarà presentato in COP28 a Dubai)

 

  1. Assisi Plastic free (eliminazione della plastica monouso)

 

  1. Rifiuti zero: più differenziata, riciclo e riuso; delocalizzazione dell’isola ecologica

 

  1. Delocalizzazione delle aziende insalubri a favore di sistemi produttivi utilizzanti BAT (migliori soluzioni tecniche impiantistiche, gestionali e di controllo in grado di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente)

 

  1. Regolamentazione edilizia e urbanistica verso ‘consumo di suolo zero’ al 2026

 

  1. Cura, gestione, rilancio del verde pubblico (giardini urbani e riforestazione urbana, un albero per ogni nuovo nato)

 

  1. Acqua pubblica: valorizzazione e utilizzo dell’acqua pubblica, graduale eliminazione dell’acqua in plastica, ripristino dei fontanili nei territori di montagna e nelle frazioni; il comune di Assisi è inoltre impegnato per il riconoscimento dell’acqua pubblica come diritto umano inalienabile

 

“Si tratta di azioni che come amministrazione comunale – aggiunge il sindaco – stiamo perseguendo fin dal primo momento e ricordo che le linee programmatiche per il quinquennio 2021-2026 sono permeate oltre che dalla ricerca del bene comune, dai valori della democrazia, della solidarietà e della trasparenza, anche e soprattutto dall’impegno a costruire una comunità responsabile e sostenibile, una Città che, amica dell’ambiente mette in pratica gli obiettivi dell’agenda 2030 (Sustainable Development Goals SdGs).

 

 

 

A conferma dello straordinario impegno dell’amministrazione comunale sulle tematiche ambientali, l’assessore  Veronica Cavallucci annuncia che il Comune con un progetto sulle comunità energetiche rinnovabili è stato scelto dal ministero dell’Ambiente a illustrarlo durante i lavori della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Cop 28 a Dubai il prossimo dicembre, appuntamento ampiamente citato da Papa Francesco nell’esortazione apostolica come momento storico dirimente per la soluzione della crisi climatica globale.

“Si tratta di un evento importantissimo e come Comune siamo molto orgogliosi che il nostro progetto sia stato selezionato – spiega l’assessore Cavallucci – perché in quella sede si parlerà di azioni concrete per contrastare la crisi climatica e una di queste è proprio la costituzione di una comunità energetica rinnovabile per la quale stiamo lavorando da tempo con esperti del settore. Davanti a una platea eccezionale, formata da capi di stato, accademici e rappresentanti delle organizzazioni di tutto il mondo, Assisi porterà il suo contributo ed è un riconoscimento di quanto fatto in questi anni, di quanto con convinzione e dedizione l’amministrazione comunale si sia impegnata con tenacia e continuità nella salvaguardia dell’ambiente”.

Lascia un commento