24.1 C
Bastia Umbra
14 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

ASSEMBLEA PUBBLICA SUL NUOVO ARREDO URBANO: AMPIA PARTECIPAZIONE E INTERVENTI, SOLUZIONI CONDIVISEIN VISTA DELLA DISCUSSIONE IN CONSIGLIO COMUNALE.

Ampia e vivace la partecipazione di cittadini ed esercenti ieri sera nella Sala della Conciliazione all’assemblea pubblica promossa dall’amministrazione comunale per esaminare la proposta di nuovo piano dell’arredo pubblico, ultima tappa dell’iter procedimentale attivato dal Comune per coinvolgere gli operatori commerciali nella definizione dei contenuti di uno strumento così importante per qualificare ulteriormente i valori distintivi degli spazi pubblici di una città patrimonio mondiale Unesco.

Alla presenza della giunta e di molti consiglieri, dei dirigenti comunali, del professor Forlani, presidente del corso di economia del turismo, e dei presidenti delle associazioni di categoria Confcommercio e Fast, la proposta illustrata dal dirigente ingegner Matteo Castigliego, dal sindaco Stefania Proietti e dal presidente del consiglio Donatella Casciarri, con un intervento anche dell’architetto Paola Falini, è stata integrata e modificata rispetto alla versione originaria accogliendo diversi  suggerimenti avanzati direttamente dagli operatori e dalle associazioni di categoria. Nella stessa seduta di ieri sera sono state recepite in tempo reale alcune integrazioni formulate dagli operatori (per esempio sulle serrande) consentendo così di arricchire la proposta di provvedimento calandola ancora di più sulle esigenze concrete delle attività commerciali.

Del resto, come sottolineato dal Sindaco Stefania Proietti nel corso della seduta, il nuovo piano dell’arredo urbano costruito secondo criteri di qualità e flessibilità, rappresenta uno strumento importante per valorizzare le attività commerciali del centro storico legate al turismo “circa 250 esercizi di vicinato che costituiscono un tratto distintivo della nostra offerta turistica attento alle specificità ed eccellenze locali in controtendenza rispetto ai rischi di omologazione della grande distribuzione e che dobbiamo valorizzare soprattutto nel capitale e valore umano di chi, come gli esercenti assisani, è e deve sempre più essere protagonista del sistema dell’accoglienza nella città serafica e fa del proprio esercizio un motivo di vita e di lavoro” hanno affermato sindaco e vicesindaco Valter Stoppini con delega al commercio.

Sono stati chiariti alcuni dubbi su questioni ritenute dirimenti quali l’esposizione nelle bacheche, le occupazioni di suolo pubblico, i contributi per adeguamento. Per quanto riguarda quest’ultimo l’amministrazione ha esposto la propria linea di indirizzo, peraltro già condivisa con l’osservatorio dell’imposta di soggiorno: il Comune di Assisi metterà a disposizione una cifra complessiva di 150.000 € sotto forma di avviso pubblico per contributi agli esercenti per le spese di adeguamento al nuovo piano dell’arredo urbano per gli anni 2024 e 2025. Negli stessi due anni l’amministrazione metterà a bilancio 150.000 € l’anno di adeguamento dei propri elementi di arredo urbano (nuovi cestelli e transenne, fioriere, dissuasori, etc.). In pratica il Comune impegnerà già nel prossimo bilancio una cifra di complessivi 600.000€ per il miglioramento del pubblico ornato, secondo il progetto redatto in forma condivisa con il ministero della cultura e l’Unesco, così da rendere “Assisi ancora più bella” per l’ottavo centenario francescano del 2026 e gli anni a seguire.

 

L’approvazione del nuovo manuale dell’arredo urbano, preventivamente condiviso con la Soprintendenza, consentirà inoltre di autorizzare, con un unico iter procedimentale che si concluderà entro la fine del corrente anno, le circa 70 attività ristorative e di somministrazione che utilizzano suoli pubblici in deroga covid fino al 31 dicembre, con alcuni vantaggi tariffari nel pieno rispetto delle norme paesaggistiche. Le attività interessate sono invitate a presentare la comunicazione di richiesta di proroga dell’autorizzazione ‘Covid’ all’occupazione del suolo pubblico fino al 31/12/2023 così da effettuare i successivi passaggi che autorizzeranno in maniera completa le occupazioni di suolo pubblico. Queste ultime rimarranno temporanee (come previsto dalla normativa nazionale) ma potranno usufruire di una tariffa dell’ordine di grandezza di quelle temporanee.

L’iter procedimentale prevede ora la discussione il prossimo 30 ottobre del nuovo piano in Consiglio Comunale. Fino a quel momento eventuali integrazioni al testo che si rendessero necessarie potranno essere recepite nel provvedimento definitivo grazie allo strumento della Commissione Consiliare e degli emendamenti, e fino alla discussione in consiglio si possono inviare osservazioni utilizzando l’apposito spazio nel sito istituzionale del comune (www.comune.assisi.pg.it/manuale-arredo-urbano-2023)

Il sindaco e l’amministrazione comunale vogliono ringraziare tutti coloro che hanno partecipato all’importante assemblea di ieri sera, che hanno fatto osservazioni ed interventi, e coloro che animano la città con le proprie attività, contribuendo con competenza e passione a rendere Assisi ancora più accogliente e viva.

 

24/10/2023

Stemma
__________________
Ufficio Stampa
Città di ASSISI

Lascia un commento