10.8 C
Bastia Umbra
26 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra

Agriumbria 2024: crescono gli spazi per la fiera di riferimento dell’agricoltura italiana.

Dal 2024 ampliamento degli spazi con l’apertura dell’Area Nord. Cresce l’attenzione verso la zootecnia con più spazio anche per i ring e per i concorsi nazionali con AIA. Il Presidente di Umbriafiere, Stefano Ansideri: “Una fiera che cresce e che con il Polo Carni diventa ormai il punto di riferimento in Italia”

È stata presentata venerdì 6 ottobre ad Agrilevante (Bari) l’edizione numero 55 di Agriumbria che si svolgerà presso l’Umbriafiere (Bastia Umbra) dal 5 al 7 aprile 2024. Ospite a Bari di uno dei partner storici, FederUnacoma, la federazione dei costruttori di macchine per l’agricoltura, e in partnership con la Fiera del Levante, in occasione della seconda giornata di Agrilevante si è svelata al pubblico la fiera, uno degli eventi di punta per la zootecnia legata alle carni di qualità. L’edizione del 2024 è stata presentata agli addetti ai lavori e alla stampa in una delle sedi fieristiche più importanti a livello nazionale, la fiera del Levante. Tante le novità illustrate nel corso della presentazione: una su tutte, la più attesa da anni, l’ampliamento degli spazi espositivi che con la disponibilità dell’Area Nord della Fiera crescerà in maniera importante creando nuove opportunità per le attività di mostre ed eventi per la zootecnia. “Con grande emozione e orgoglio, finalmente, possiamo dire che il primo passo verso l’atteso ampliamento della fiera è arrivato e già dall’edizione 2024 di Agriumbria lo si potrà mettere in pratica sfruttando tutta una intera area direttamente collegata agli spazi fieristici. – ha commentato il Presidente di Umbriafiere, Stefano Ansideri – Questo vuol dire anche molte più opportunità di crescita espositiva per l’area zootecnica, potendo contare su superfici all’aperto e potendo ridistribuire gli spazi preesistenti per mostre, gare e angoli convegnistici”. 

Agriumbria è presente ad Agrilevante fino all’8 ottobre come partner tecnico per la mostra di capi bovini, equini, ovini, oltre che di animali da cortile, che FederUnacoma realizza in collaborazione con l’Associazione Italiana Allevatori (Aia), con la sua sezione regionale Ara Puglia e con la struttura organizzativa di Umbriafiere. Nella fiera di Bari oltre 500 capi di allevamento, espressione delle più pregiate razze autoctone, da quella ovina Gentile di Puglia alla Bufala Mediterranea Italiana, dai bovini di razza Limousine, Marchigiana, Maremmana, Podolica, Romagnola e Jersey ai cavalli Murgese e Haflinger, dal Cavallo da tiro pesante rapido all’asino di Martina Franca, oltre che ad altre razze pregiate che arricchiscono il patrimonio zootecnico italiano. “D’altronde uno dei punti di forza di Agriumbria è proprio il Polo Carni Italiane di cui da due anni siamo insigniti, portando in giro per l’Italia i valori degli allevatori italiani, anche grazie alla forte collaborazione con l’associazione italiana allevatori (Aia) e Federunacoma. Per questo puntiamo sempre più sul contributo del sistema allevatoriale, che è fondamentale anche per portare avanti quell’obiettivo generale di comunicazione di quelle che sono le autentiche eccellenze dell’agroalimentare nazionale”, ha aggiunto il presidente di Umbriafiere, Stefano Ansideri

Agriumbria si terrà a Bastia Umbra (Pg) dal 5 al 7 aprile del prossimo anno. Giunta alla 55esima edizione, la fiera umbra di fatto è la casa dell’agricoltura italiana con oltre 85mila presenze nelle ultime due edizioni. Quello di Agriumbria è un fenomeno ampiamente riconosciuto dai principali operatori italiani, che trovano proprio in questa mostra il luogo eletto per accordi, contratti e sinergie. E che fa della fiera di settore più grande del Centro Sud Italia, la prima a livello nazionale per il comparto zootecnico, anche per il fatto che è diventata ufficialmente il “Polo delle Carni Italiane” che affianca l’Osservatorio sui consumi. Agriumbria nasce da una felice intuizione dell’ideatore della manifestazione agricola, Lodovico Maschiella, e nel 1969 viene organizzata la prima “fiera moderna”, la fiera dell’agricoltura. Negli anni è nata l’Associazione Agriumbria, composta da Enti e Associazioni di categoria, per la gestione e il coordinamento della fiera. Oggi, dopo un lungo percorso, Agriumbria, Mostra dell’Agricoltura, Zootecnia e Alimentazione rappresenta un punto di riferimento a livello nazionale per la valorizzazione del settore agricolo e costituisce un momento di discussione e riflessione sulle prospettive e sul futuro dell’Agricoltura.

 

06/10/2023

 

Giorgio Vicario

Ufficio stampa | Mg2 comunicazione – studio associato

Lascia un commento