11.5 C
Bastia Umbra
23 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Cultura

“Il campo del Mercato. Un luogo di Bastia e la sua storia” è l’ultima ricerca di Antonio Mencarelli.

Il campo del Mercato. Un luogo di Bastia e la sua storia è l’ultima ricerca di Antonio Mencarelli fresca di stampa (Edizioni Terrenostre, Tipografia Litoprint, pp. 42, euro 6,00). In questa pubblicazione l’autore, storico e curatore museale, racconta un luogo di Bastia carico di ricordi e impresso nella memoria collettiva dei bastioli i quali ne hanno sempre riconosciuto il valore identitario, legato alla vita economica e sociale di tante persone.

Situato poco fuori le antiche mura cittadine –scrive Antonio Mencarelli- , ha costituito una estensione dell’abitato dell’antica “isola”, uno spazio di vita, arioso e pieno di sole. E’ stato per un secolo sede del mercato del bestiame, delle rinomate fiere che per l’affluenza degli operatori economici erano tra le più rinomate di tutta la provincia. Vi è stato edificato il mattatoio comunale (1907), diventato sempre più attivo per la quantità di bestie macellate, destinate alle attività commerciali del centro e del nord d’Italia. Antonio Mencarelli ricorda quando qualcuno ideò di farne un giardino  al servizio di una delle prime zone residenziali (1918), ma senza esito, e i giovani di più generazioni lo utilizzarono come campo di gioco in attesa di averne uno vero e proprio che verrà solo nel 1954.  “Ha risuonato fino agli anni ’60 delle grida e del vociare dei commercianti durante le loro faticose contrattazioni” ricorda l’autore. “Vi confluiva un mondo fatto di proprietari, allevatori, contadini, grandi negoziatori di bovini e suini, sensali, mediatori, garzoni e trasportatori”. Da trent’ anni a questa parte rinomati architetti vollero dar sfogo alla loro fantasia disegnando per questo spazio  grandi progetti urbanistici irrealizzati.

Insomma, afferma Mencarelli, questa descritta è una parte di Bastia che avrebbe tante cose raccontare e interessanti da sentire, magari seduti all’ombra della lunga fila dei vecchi tigli (sono del 1892) , col profumo della porchetta di Costano, con le chiacchiere all’edicola dei giornali, osservando gli arrivi e le partenze dei parcheggiatori di auto e il traffico senza soste dei veicoli che  girano attorno.

 

03/08/2023

Antonio Mencarelli

Lascia un commento