6.4 C
Bastia Umbra
20 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Attualità Cannara

CANNARA: SI FINGONO OPERATORI DELLE POSTE E SOTTRAGGONO 3000 EURO AD UNA DONNA DI CANNARA.

La tecnica è sempre la stessa: inviano “allert” sulle applicazioni internet banking, prospettando all’ignara vittima la presenza di operazioni e accessi sospetti nel proprio conto corrente ed inoltre con chiamate telefoniche si spacciano per operatori postali. Le vittime entrano nel panico e seguono alla lettera le istruzioni telefoniche, accorgendosi solo in seguito di essere state vittime di una truffa.

Nel caso specifico, una donna cannarese ha ricevuto dapprima messaggi che la avvisavano di accessi abusivi sul proprio conto corrente postale e successivamente telefonate da sedicenti operatori postali, i quali la informavano che sul suo conto corrente vi erano delle operazioni sospette e pertanto la invitavano a recarsi presso uno sportello Postamat al fine di effettuare una procedura che avrebbe bloccato le transazioni e messo al sicuro il saldo. Così facendo la vittima ha seguito in parola le operazioni dettate al telefono, ma soltanto al termine della telefonata scopriva di essere stata vittima di una truffa in quanto aveva appena compiuto una operazione di “postagiro” per l’importo di Euro 2940.

 

I Carabinieri della Stazione di Cannara, una volta acquisita la denuncia, hanno subito contattato l’Ufficio Accertamenti Giudiziari di Poste Italiane per verificare l’intestatario del conto che aveva ricevuto la transazione, apprendendo in quella circostanza che il provento delittuoso era stato trasferito con ulteriore ricarica ad altra postepay, ma nonostante la tempestività dell’intervento i rei riuscivano a riscuotere l’intera somma ricevuta indebitamente.

 

Gli accertamenti espletati dai militari hanno comunque permesso di deferire in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto, un uomo 36enne di origini campane ed una donna 59enne di origini marchigiane, entrambi residenti nella Provincia di Fermo, per il reato di truffa aggravata in concorso.

 

08/08/2023

Comando Provinciale Carabinieri di Perugia

 

Lascia un commento