10.8 C
Bastia Umbra
26 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

NUOVO PIANO ARREDO URBANO: ASSEMBLEA PUBBLICA AFFOLLATA IL SINDACO PROIETTI: “LA NOSTRA È UNA SFIDA AMBIZIOSA PER UNA ASSISI ANCORA PIÙ BELLA”.

È stata un’assemblea pubblica molto affollata e partecipata quella che si è svolta ieri pomeriggio alla Domus Laetitiae sul nuovo piano dell’arredo urbano.

Oltre cento persone, in presenza e in collegamento, hanno ascoltato con attenzione le proposte dell’amministrazione comunale relative agli elementi di arredo degli spazi pubblici e privati dei centri abitati.

Ad aprire i lavori il sindaco Stefania Proietti che ha spiegato le origini del piano: “E’ stata un’operazione durata tre anni, complessa e ambiziosa, che ha coinvolto tutti gli uffici del Comune e durante i vari passaggi abbiamo interessato i rappresentanti delle associazioni di categoria. Questo momento partecipativo è gradito, necessario e positivo perché quello che stiamo facendo è una vera e propria sfida che si inserisce in un orizzonte triennale, e mi riferisco al 2026, l’ottavo centenario della morte di San Francesco, e si estrinseca nell’obiettivo di rendere la nostra città ancora più bella e più accogliente”.

Il sindaco ha precisato che si tratta di un piano, non ancora approvato, bensì aperto ai suggerimenti, alle idee e ai consigli degli operatori commerciali e della cittadinanza perché l’arredo urbano è un tema che riguarda tutti, amministrazione, commercianti, albergatori e cittadini.

Sarà pubblicato sul sito internet del Comune e anche on line, oltre ad altri momenti di confronto, sarà possibile proporre osservazioni. Dopo di che partirà l’iter di approvazione in Consiglio Comunale.

 

Prima di partire con la presentazione del piano, c’è stato anche il saluto del vice sindaco Valter Stoppini: “Come amministrazione abbiamo sentito tutta la responsabilità di elaborare questo piano ed è stato un lavoro lungo e approfondito. Ora vogliamo condividerlo con voi e accogliere le vostre proposte”.

Ha quindi preso la parola l’ingegnere Matteo Castigliego entrando nel merito e premettendo che “il nuovo manuale dell’arredo urbano modifica e integra la regolamentazione precedente, quella approvata dal consiglio comunale nel 2011, ed è stato finanziato con risorse del ministero della Cultura e dell’Unesco”.

“Rispetto al piano di dodici anni fa – ha spiegato il dirigente Castigliego – questo interessa ulteriori siti del territorio quali luoghi francescani e nuclei e aggregati rurali di rilevanza storico culturale. I centri abitati sono stati suddivisi in 5 componenti strutturali in base alla morfologia e destinazioni funzionali, di conseguenza le disposizioni inerenti i vari elementi di arredo sono definite e differenziate sulla base della componente individuata.

Il manuale contiene delle schede tipologiche per ogni elemento e tutti gli aspetti, valutati dopo un approfondito censimento della situazione esistente, sono stati studiati in maniera più dettagliata. Lo scopo è di raggiungere una omogeneità dell’arredo urbano in chiave moderna e nel rispetto delle caratteristiche storico-architettoniche del territorio. Per quanto riguarda i suoli pubblici una attenta pianificazione consentirà di progettare gli spazi di occupazione temporanea in maniera più ordinata e nel rispetto dei patrimonio artistico di cui la nostra città è orgogliosamente ricca”.

 

Presenti anche le esperte architetti Falini e Pulcini, che hanno curato la predisposizione della ricognizione e del piano dell’arredo urbano finanziato e supportato dall’Unesco per il comune di Assisi, il comandante della polizia locale Antonio Gentili per le questioni specifiche inerenti la viabilità e il suolo pubblico; erano presenti anche la dirigente Patrizia Laloni per il lato tributi, e quindi il presidente del Consiglio Comunale Donatella Casciarri, il presidente della commissione edilizia Giuseppe Cardinali, il consigliere comunale Scilla Cavanna.

Al termine della presentazione c’è stato un vivace dibattito nel corso del quale gli operatori economici del territorio hanno potuto esprimere i loro pareri, riconoscendo l’immenso lavoro dell’amministrazione e il coraggio di mettere mano a un nuovo piano dell’arredo urbano per far diventare Assisi una città ancora più ospitale, accogliente e bella in un orizzonte temporale triennale verso i grandi appuntamenti del Giubileo e dell’ottavo centenario francescano.

 

 

28/07/2023

Stemma
__________________
Ufficio Stampa
Città di ASSISI

Lascia un commento