9.5 C
Bastia Umbra
22 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Politica

Stefano Pastorelli su ex Fonderie Tacconi e aumento delle emissioni nell’atmosfera scaturite dall’attività dello stabilimento.

“La situazione è diventata oramai insostenibile per i cittadini di Santa Maria degli Angeli, in questi giorni basta volgere lo sguardo al panorama che circonda le ex Fonderie Tacconi per rendersi conto dell’aumento delle emissioni nell’atmosfera scaturite dall’attività dello stabilimento. Ho presentato a tal proposito un’interrogazione in consiglio regionale per chiedere un intervento immediato della Giunta e di conoscere se siano ancora attive in loco le stazioni Arpa per il monitoraggio dei livelli di inquinamento nell’aria e quali valori stiano segnalando”. L’intervento è del capogruppo Lega in Regione Umbria Stefano Pastorelli. “Nell’ultimo periodo sono sempre più frequenti le segnalazioni pervenute di nubi e depositi di ceneri nell’area interessata, segno di un preoccupante e maggiore livello di inquinamento – prosegue Pastorelli – Il diritto alla salute dei cittadini costituisce per noi la priorità da tutelare così come riteniamo vadano incentivate forme di attività economico – produttiva, che possano incrementare i livelli occupazionali e garantire il benessere dei residenti. Al contempo, la politica e le istituzioni hanno il dovere di far rispettare le leggi regionali e nazionali vigenti in materia, nonché le direttive emerse dai vari tavoli tecnici sino ad oggi istituiti e svolti. Già in diverse occasioni sono state avanzate richieste di bonifica dell’area delle ex Fonderie Tacconi, segnalando nelle opportune sedi istituzionali, le varie problematiche ambientali che scaturiscono da un’industria insalubre di prima classe, situata a poche centinaia di metri sia dai centri abitati limitrofi che dalla Basilica e dalla Porziuncola. Ho già da tempo sottolineato come la presenza del sito produttivo a ridosso del centro storico cittadino rappresenti una criticità da risolvere, attraverso l’elaborazione di un serio progetto di delocalizzazione che, a quanto pare, sta riscontrando numerose difficoltà. Il connubio salute-lavoro deve trovare pronta applicazione nella definizione di strategie volte a salvaguardare le famiglie del centro abitato, da fattori potenzialmente inquinanti, garantendo allo stesso tempo il mantenimento dei livelli occupazionali e il rispetto dei canoni qualitativi della produzione. A questo punto, un intervento della Regione Umbria non è più rinviabile” conclude l’esponente leghista.

 

29/06/2023

Stefano Pastorelli
Consigliere Regionale Assemblea Legislativa Regione Umbria
Capogruppo Lega

Lascia un commento