15.9 C
Bastia Umbra
21 Aprile 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Cultura

Centro Umbro Residenze Artistiche (CURA), oltre 200 candidature grazie ai progetti “Next generation” e “Generazione Z” nei territori di Perugia, Foligno, Spoleto, Gubbio, Cannara, Assisi e Terni.

 “Next Generation” e “Generazione Z”

Il Centro Umbro di Residenze Artistiche CURA promuove la creatività emergente e progetti dedicati alle comunità locali di giovani per immaginare nuove modalità di incontro tra artisti e ragazzi del territorio umbro

(Perugia, Foligno, Spoleto, Gubbio, Cannara, Assisi e Terni).

Oltre 200 le candidature inviate da artisti nazionali e internazionali: le residenze, già avviate, proseguiranno fino a dicembre 2023

 

Sono state oltre 200 le candidature inviate da artisti nazionali e internazionali per sviluppare percorsi inediti insieme ai giovani dei nostri territori e progetti legati alle nuove tecnologie digitali grazie ai progetti Next Generation e Generazione Z promossi dal Centro di Residenze dell’Umbria CURA.

 

Next Generation è un programma speciale, realizzato in collaborazione con La MaMa ETC e CultureHub di New York, dedicato ad artisti performativi giovani ed emergenti per lo sviluppo di progetti ancora in fase iniziale.

Il programma prevede una residenza intensiva di due settimane (dal 20 agosto al 3 settembre) nei territori di Foligno, Gubbio, Perugia e Spoleto, durante la quale gli artisti potranno sviluppare le loro idee progettuali col supporto di tutor, mentor e formatori internazionali. Artisti locali e internazionali (attori, musicisti, drammaturghi, registi), saranno invitati a seguire i partecipanti in residenza col compito di stimolare il processo creativo ed incoraggiare lo scambio e il dialogo tra i vari partecipanti.

 

Generazione Z è un nuovo progetto del Centro Cura per attivare percorsi creativi e interventi partecipativi con bambini e ragazzi, tramite l’incontro con artisti ospitati in residenza, allo scopo di dare impulso e nuovi esiti al lavoro con i giovani, immaginando un approccio inclusivo a partire dai loro bisogni, necessità e dalle difficoltà delle ultime generazioni nella società contemporanea.

Il progetto comprende due percorsi paralleli.

Mondi Immaginari realizzato in collaborazione con HOME Centro di Creazione Coreografica/Dance Gallery, TIEFFEU Teatro di Figura Umbro e SPAZIO MAI Movement art IS, in particolare sul territorio di Perugia, per sostenere nuovi progetti di teatro, danza, nouveau cirque e arti performative, rivolti all’infanzia e all’adolescenza e, in una visione più europea, ad un genere tout public che tramite l’ibridazione dei linguaggi performativi contemporanei possa coinvolgere una platea allargata ed eterogenea con particolare attenzione alle giovani generazioni.

Spazio Zeta, realizzato grazie alla collaborazione di Ass. Demetra di Terni, Associazione Strabismi di Cannara e Il Piccolo Teatro Degli Instabili di Assisi e col supporto di un team di giovani di Foligno, Spoleto, Assisi e Cannara è un progetto di ascolto, confronto e creazione tra artisti e le giovani generazioni, nato dal desiderio di coinvolgere attivamente i giovani insieme ad artisti performativi in tutte le possibili declinazioni di linguaggi contemporanei legati a teatro, danza, musica, performance e ibridazione con le nuove tecnologie digitali.

 

Next Generation e Generazione Z, due programmi complementari dedicati alle giovani generazioni di creatori nazionali e internazionali e a progetti di comunità e partecipazione per i ragazzi dei territori di Perugia, Foligno, Spoleto, Gubbio, Cannara, Assisi e Terni che porteranno fino a dicembre 2023  in Umbria 13 artisti/gruppi artistici italiani  ed europei (Federica Loredan, Francesca Grimieri de Ioanni, Alberto Castillo, Alice Ruggero, Gaia Ginevra Giorgi, Giorgia Fagotto Fiorentini, Evan Ray Suzuki, Grace Oberhofer, Isabel Paladin, Carmel Rosenthal, Dario Pruonto, Tolja Djokovic, Luigi Ciotta).

I progetti selezionati, tutti tramite bando pubblico, sono il segnale di una grande eterogeneità di linguaggi del contemporaneo che spaziano dalle pratiche del teatro più tradizionale, al circo, all’utilizzo dei nuovi mezzi digitali e dei molteplici approcci immaginati per intercettare e coinvolgere in maniera significativa i giovani e “agire” in luoghi non convenzionali e spazi pubblici.

 

Per ulteriori informazioni: info@curacentroresidenzeumbre.net

 

 14/06/2023

 

Relazioni con la stampa

Danilo Nardoni 

Lascia un commento