18.7 C
Bastia Umbra
19 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Cultura

I LUOGHI DI “CHE DIO CI AIUTI” SBANCANO: A SAN GIACOMO DE MURO RUPTO OLTRE 2.500 PRESENZE IN UN MESE.

Funziona l’itinerario turistico promosso dal Comune di Assisi per valorizzare angoli e scorci dove è stata girata  la popolare fiction di Rai Uno

Per il sindaco e l’assessore al turismo sono opportunità per raggiungere nuovi target di visitatori e far scoprire zone della città meno conosciute

Funziona l’itinerario turistico promosso dal Comune di Assisi per valorizzare angoli e scorci della città dove è stata girata “Che Dio ci aiuti 7”, popolare fiction di Rai Uno, prodotta da Lux Vide e Rai Fiction, andata in onda con successo lo scorso inverno.

Sono infatti sempre più i visitatori alla scoperta dei luoghi in cui sono state effettuate le riprese, che hanno visto protagonisti attori come Elena Sofia Ricci (suor Angela), Valeria Fabrizi (suor Costanza), Francesca Chillemi (Azzurra), Pierpaolo Spollon (Emiliano) e Federica Pagliaroli (Sara). Basti pensare che la chiesa di San Giacomo de Muro Rupto, dove avvengono scene cruciali e alcuni dei dialoghi principali, ha registrato oltre 2mila ingressi in un mese. I dati arrivano direttamente dalle Suore Francescane Angeline, che gestiscono la struttura in cui si trova la celebre chiesetta e che accolgono i turisti offrendo loro una sorta di visita guidata della stessa e del chiostro adiacente, altrettanto noto luogo della fiction.

“Arriva gente da tutta Italia – spiega Suor Silvana – curiosa di vedere dal vivo i posti in cui è stata ambientata la storia di ‘Che Dio ci aiuti’. Sono soprattutto famiglie, manche coppie di adulti e singoli. Chiedono informazioni, scattano fotografie, lasciano dediche con lo slogan della fiction, fanno selfie, ammirano la bellezza di posti che finora erano meno conosciuti ad Assisi. A fine aprile, nei giorni del ponte, abbiamo contato circa 300 persone al giorno e registrato oltre 2.500 presenze in un mese. Abbiamo organizzato dei turni per gestire al meglio le visite, ma ci sono stati momenti con la gente in fila fuori. Offriamo una spiegazione della chiesa, del chiostro e diamo informazioni anche sulla città in generale. Per noi è una bella forma di accoglienza e anche di apostolato”.

Per promuovere i cosiddetti luoghi della fiction sono stati realizzati depliant che raccolgono e descrivono le principali location di Assisi in cui è stata girata la popolare serie televisiva, in una sorta di nuovo itinerario turistico. Sono state, inoltre, create apposite mappe ed è stata effettuata un’ampia diffusione soprattutto tramite le pagine web e social ufficiali del turismo del Comune di Assisi: www.visit-assisi.it, @visit assisi su Facebook e @visit_assisi_official su Instragram.

La diffusione dei materiali, sottolineano il sindaco e l’assessore al turismo e marketing territoriale, è iniziata in coincidenza con l’ultima puntata della fiction, a metà marzo scorso. E, in pochi giorni, sono arrivate ai nostri uffici numerose richieste di informazioni per organizzare le visite. Proponiamo un prodotto turistico diverso rispetto ai classici itinerari, che consente di raggiungere nuovi target e valorizzare luoghi meno conosciuti come San Giacomo de Muro Rupto, la zona di Santa Maria delle Rose e la città in generale. Ringraziamo le Suore Francescane Angeline per la preziosa collaborazione e per l’accoglienza offerta a turisti e visitatori.

 

24/05/2023

Stemma
__________________
Ufficio Stampa
Città di ASSISI

 

Lascia un commento