16.9 C
Bastia Umbra
23 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra

Festa della Liberazione. Il 25 Aprile esprime i valori universali di pace, democrazia e libertà.

Cari concittadini e care concittadine, apro le mie riflessioni sulla commemorazione del 25 Aprile con le parole del Presidente Mattarella, “Pace, democrazia e libertà non sono mai costruite per sempre, vanno difese ogni giorno, ovunque sono minacciate”.

Proprio a partire da queste che vorrei assegnare al 25 Aprile un significato di unione e non più un significato di divisioni. Racchiude la storia, la nostra storia che non deve mai apparire lontana altrimenti perdiamo le radici del nostro essere oggi.  E’ la data simbolica della liberazione di tutto il territorio italiano dall’occupazione e dalla dittatura.

E’ impossibile per ciascuno di noi non ritenere la pace, la democrazia e la libertà le condizioni imprescindibili e inalienabili affinché la storia dei popoli si identifichi nella storia dell’Umanità: “Agisci in modo da considerare l’umanità, sia nella tua persona, sia nella persona di ogni altro, sempre anche come fine, e mai come semplice mezzo”. (Immanuel Kant).

Sono condizioni di vita, di rispetto della vita, di libertà, di rispetto della libertà, di democrazia, di rispetto della democrazia. Condizioni fragili, sempre a rischio. Il 25 Aprile per coloro come me, come noi tutti, che celebriamo la sacralità della vita e della libertà non può limitarsi, circostanziarsi nei confini di una data, è un simbolo, il simbolo-sentinella che ci ricorda di essere sempre allerti, vigili contro chi ideologizza l’agire e lo rende strumento di oppressione.  Un filosofo francese ha scritto: «… diffido degli “ismi” tanto quanto sono attaccato alle realtà sulle quali vengono a innestarsi, come il verme che s’intrufola in un frutto. Gli “ismi” — (…) — sono parassiti ideologici che svuotano le cose della loro sostanza proiettandole fuori dai loro confini».

Diffidiamo da tutti gli estremismi, sono sempre la negazione del principio di auto-determinazione della persona, di un popolo. Questo è la democrazia, la forma di governo più difficile, la più fragile ma non per questo la meno realizzabile. Dobbiamo crederci.

Basta arroccarsi sulle divisioni, pur da strade diverse chi ha detto no all’oppressione e alla sopraffazione ha agito fino al sacrificio estremo, ma ha agito perché ha sentito più forte l’ideale rispetto all’ideologia. La libertà non è gerarchizzabile, è come l’aria che si respira. E’ ora per tutti uscire dal proprio Io e sentirsi un Noi e un Altro, tutti accumunati dallo stesso bisogno di essere cittadini sotto un’unica bandiera, quella italiana. La bandiera italiana oggi è qui rappresentata con la fascia tricolore, la fascia dell’appartenenza, della fedeltà ai valori della Costituzione, dell’impegno verso la comunità, rappresenta lo Stato, una Nazione che si chiama Italia, ed  è questa è la nostra Patria, la nostra identità, la nostra garanzia di libertà e crescita. Non è facile, ma come nel dramma del Covid ci siamo uniti per sconfiggerlo, così siamo capaci di rimanere uniti nel preservare ciò che gli altri hanno fatto per noi resistendo, prima, affermando, dopo, il diritto-dovere alla libertà, alla dignità della persona.

Ai nostri giovani, ai nostri studenti e alle nostre studentesse che oggi con noi tutti commemorano il 25 Aprile non possiamo pretendere ciò che non siamo in grado di garantire noi adulti. Basta chiedere, è ora di dare noi, attraverso il nostro esempio le condizioni irrinunciabili per essere sempre cittadini e mai più “sudditi”. Quali esempi? La tolleranza, l’apertura, l’ascolto, la disponibilità, il superamento degli estremismi. E’ utopia questo? No, è responsabilità.

Oggi è la Festa della Libertà è la festa di tutti noi. La vogliamo ricordare con dono a voi giovani, studenti e studentesse, che avete sete di verità, di conoscenza, di sapere e nei libri vi dissetate. Doniamo alle biblioteche scolastiche del nostro territorio, Direzione Didattica, Istituto Comprensivo Bastia 1, Istituto Professionale per i Servizi Commerciali, il libro di Luigino Ciotti dedicato a suo padre “I Campi di Tullio”, incentrato sulle drammatiche vicende di Tullio, un bastiolo catturato dai tedeschi e internato nei campi di deportazione all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre 1943 tra l’Italia e i paesi alleati. Uno di 650.000 uomini per i quali è stata coniata la sigla IMI, Internati Militari Italiani. Rifiutandosi di aderire alla Repubblica di Salò, per tutti loro la scelta volle dire esperienza drammatica nei campi di concentramento per un lunghissimo periodo anche se poi fortunatamente per Tullio ci fu un ritorno a casa ma non fu così per altri 50mila di loro che morirono di fame, di stenti, di malattie. Anche questa fu Resistenza. “Vittoria contro noi stessi: aver ritrovato dentro noi stessi la dignità dell’uomo. Questo fu il significato morale della Resistenza: questa fu la fiamma miracolosa della Resistenza” (Piero Calamandrei) una fiamma di tutti e per tutti!

E’ dal sacrificio di tutti coloro che dissero “No!” all’oppressore, di qualunque natura, ideologica – fisica – morale, che è nata la Costituzione, il nostro patrimonio comune, la nostra Democrazia.

Ringrazio tutti i presenti, la cittadinanza, gli assessori, i consiglieri, i parroci, le Forze dell’Ordine, La polizia Locale, la Direzione Didattica e l’Ist. Comprensivo Bastia1, i rappresentanti delle parrocchie e dell’Arma dei Carabinieri, le associazioni d’Arma e Combattentistiche, la Banda Musicale di Costano diretta   oggi dal Maestro Leonardo  Ambrosi, l’Associazione Nazionale dei Carabinieri in congedo Sezione di Bastia Umbra, Associazione Combattenti e Reduci di guerra, l’Associazione Mutilati e Invalidi di guerra, Associazione Ex – Internati Militari dei campi di concentramento A.N.E.I. (IMI), l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ANPI

Viva L’Italia

Viva Bastia Umbra

 

 

Il 25 Aprile, una data da non dimenticare.

Si sono celebrate in tutto il territorio comunale le celebrazione del 25 Aprile, Festa della Liberazione. La comunità tutta, come sempre, ha partecipato con grande slancio e sensibilità, una sensibilità particolare, emozionale perché caratterizzata dalla presenza delle nostre scolaresche. Non è scontato avere vicino animi così puri e aperti al mondo come i bambini e le bambine della comunità.

A cominciare da Costano, una lezione di storia a cui è andata la gratitudine di tutti i presenti. Riportare i fatti, rinnovare la memoria, sollecitare la riflessione. Anche ad Ospedalicchio i nostri bambini e le nostre bambine hanno manifestato il senso della loro presenza attraverso la riflessione del senso della libertà e l’anelito alla pace. Per poi terminare in Piazza Mazzini con un altro passaggio alla storia e la canzone “La guerra di Piero”.

I papaveri realizzati in carta velina donati al Sindaco quale Primo cittadino e rappresentante locale dello Stato italiano a suggellare il simbolo della morte in un campo di vita. Basta poco, se vogliamo, per riaprire i cassetti della memoria e commuoverci.

Emozioni forti, emozioni che vanno al di là delle parole perché nascono dal cuore dei puri e si rivolgono alla comunità tutta chiedendo gli adulti e alle Istituzioni che basta parlare in termini oppositivi, basta arroccarsi sulle barricate delle visioni stereotipate, è ora di parlare a tutti con il linguaggio dell’unione, della condivisione, della tolleranza, della democrazia veramente partecipata.

Non possiamo non esaltare la loro presenza, sono venuti con un grande messaggio, sono loro che hanno fatto la differenza tra una celebrazione dovuta e una celebrazione partecipata. Abbiamo partecipato.

Ricordare  la data simbolica del 25 Aprile è come rinnovare con azioni diverse la Liberazione, uniti a difesa di un grande ideale: la libertà.

A tutti i nostri studenti e studentesse, ai docenti, ai Dirigenti scolastici che giorno dopo giorno coltivano il prezioso seme della libertà e della coscienza critica, grazie. Senza di loro, la memoria non avrebbe futuro e l’oggi rimarrebbe una sterile rievocazione.

Il Sindaco e l’ Amministrazione comunale

 

 

Lascia un commento