12.6 C
Bastia Umbra
27 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Sport

Tecnologia nella boxe: sì o no? L’incontro al Centro Pugilistico Italiano di Santa Maria degli Angeli.

Il presidente onorario FPI Franco Falcinelli ha accolto ad Assisi il Ceo della Xempower Cina Thomas Cai, ideatore del sistema Score System per il pugilato, uno strumento che introdurrebbe la tecnologia nella boxe
ASSISI, 3 marzo 2023 – La tecnologia può essere utile anche nella boxe? È questo l’interrogativo frutto dell’incontro di giovedì 2 marzo al Centro Pugilistico Federale di Santa Maria degli Angeli. Il presidente onorario della Federazione Pugilistica Italiana e dell’EUBC Franco Falcinelli ha incontrato il Ceo della Xempower Cina, società con sede a Nanjing, Thomas Cai Yongjun, con la sua assistente Lee, ideatore del sistema Score System per il pugilato.
Il meeting ha dato avvio ad uno studio sulla possibilità di affidare alla tecnologia informatica la facoltà di redigere il risultato di un match per un aiuto concreto ai giudici di gara. La tecnologia potrebbe così fungere da una sorta di ‘VAR’ per correggere errori durante un match di pugilato. Un focus nel supportare la giuria insomma, verso una valutazione sempre più impeccabile delle competizioni di boxe.

Thomas Cai è un imprenditore dell’industria tecnologica cinese, amante dello sport. La sua azienda, la Sunyu, composta da circa duemila dipendenti, è leader nello sviluppo di software e vanta tra i suoi clienti anche Apple.
Una nuova tecnologia nel pugilato per un primo passo verso la stabilizzazione del mondo olimpico e un aiuto concreto a tutto il movimento per lavorare in parallelo e in stretta sinergia con i giudici. Un qualcosa di importante per favorire e andare incontro a questo sport con il supporto tecnologico.
“Una giornata importante per tutto il movimento pugilistico italiano e non solo – ha commentato il presidente Franco Falcinelli durante l’illustrazione di un progetto ancora da testare – sono un profondo sostenitore del gesto tecnico vissuto sul ring – ha sottolineato Falcinelli – su questo tema tecnologico andrà tutto studiato e testato ma, nonostante qualche perplessità, la tecnologia al giorno d’oggi mi trova favorevole perché rappresenta un valido strumento per dare una marcia in più a questo sport, favorendo i giudici e gli atleti in gara” – ha concluso il presidente onorario della FPI e della EUBC. Sulla strumentazione proposta, primi test negli Stati Uniti in questo mese di marzo, ad aprile forse le prime prove in Italia.
03/03/2023
Referente stampa Centro Federale di Pugilato di Assisi

Lascia un commento