15.5 C
Bastia Umbra
23 Maggio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Politica

EFFICIENTAMENTO DELLA PUBBLICA ILLUMINAZIONE CITTADINA. DOPO ANNI DI INERZIA, ANCHE QUESTA VOLTA LA MONTAGNA HA PARTORITO IL TOPOLINO!

In sostituzione soltanto il 10% dei corpi illuminanti energivori comunali: 240 su 2341.

In data 5 gennaio 2023 nei canali ufficiali del Comune di Bastia Umbra è stata emanata notizia ufficiale dell’assegnazione di una  gara d’appalto per sostituire 240 lampade tra le più energivore della città, con apparecchi a Led.

“Questo consentirà un risparmio energetico di circa 100mila Kw annui, oltre ad assicurare una migliore qualità dell’illuminazione pubblica e quindi maggiore sicurezza per i cittadini e gli automobilisti.” dichiara l’Assessore Santoni a mezzo stampa.

Questa dichiarazione dell’Assessore ai lavori pubblici della Giunta Lungarotti in quota Fratelli d’Italia, nasconde però l’effettiva e triste realtà delle cose.

Difatti, da accesso agli atti che abbiamo prontamente effettuato presso gli uffici comunali competenti, è emerso che in tutto il territorio comunale i corpi illuminanti energivori, ovvero quelli ritenuti vetusti ed inefficienti poiché di potenza superiore a 125W/cad, risultano essere in numero pari a 2321.

Al momento, secondo quindi le dichiarazioni trionfalistiche ed autocelebrative dell’amministrazione comunale, l’intervento di sostituzione ed efficientamento della pubblica illuminazione cittadina, riguarda 240 corpi illuminanti, su un totale di 2321, ovvero solamente il 10% di quelli che la stessa amministrazione considera e classifica come vetusti, obsoleti e soprattutto energivori ed inefficienti.

Dopo anni di inerzia, siamo ancora una volta difronte alla Montagna che partorisce il topolino!

La pratica a cui ci ha abituato in questi anni l’amministrazione di destra guidata dal Sindaco Lungarotti, è purtroppo per i cittadini bastioli, sempre la stessa: si annunciano interventi straordinari in pompa magna con i soliti toni trionfalistici ed autocelebrativi, poi quando si vanno a vedere gli atti per verificarne i dettagli, si scopre che trattasi di interventi prevalentemente ordinari, in cui poco di significativo verrà fatto per la comunità bastiola.

Come per la storia dell’impianto fotovoltaico della Scuola di XXV Aprile, presente sul tetto della scuola già dal 2019. Ci sono voluti 4 anni e la denuncia del Partito Democratico, per avviare le procedure di allaccio e messa in produzione dell’energia elettrica a servizio della scuola.

Non si può stare anni fermi, con le mani in mano, e poi difronte ai costi dell’energia elle stelle, scoprire che non si sono fatti gli interventi di efficientamento della pubblica illuminazione, che ci avrebbero permesso di risparmiare risorse economiche e non ricorrere alla riduzione degli orari di funzionamento della pubblica illuminazione in alcune zone della città, con i relativi problemi che sono stati riscontrati dai cittadini in termini di sicurezza per la viabilità (incidenti) ed il presidio del territorio (furti, microcriminalità), che come Partito Democratico abbiamo a più riprese denunciato e portato all’attenzione della Giunta Lungarotti.

Occorre pertanto che l’amministrazione comunale e l’Assessore Santoni si diano maggiormente da fare, accelerando con le opere e gli interventi di pubblica utilità che riguardano la sostituzione dei restanti 2000 corpi illuminanti vetusti ed energivori, evitando di prendersi continuamente gioco dei cittadini e del loro grado di sopportazione difronte a tutta questa inerzia amministrativa, che produce disservizi e maggiori spese per la collettività.

 

Segreteria PD Bastia Umbra

Gruppo Consiliare PD Bastia Umbra

09/02/2023

Lascia un commento