6.6 C
Bastia Umbra
5 Febbraio 2023
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Cultura

Concorso per le scuole dell’Umbria / Progettare il futuro sui banchi di scuola. La challenge per le scuole secondarie di secondo grado.

Concorso per le scuole della nostra regione. IL FUTURO È DI CHI LO FA. Bando disponibile sul sito sviluppumbria.it

Progettare il futuro sui banchi di scuola. La challenge per le scuole secondarie di secondo grado dell’Umbria

A cura di Sviluppumbria, ARPA Umbria, Fa’ la cosa giusta! Umbria e Gsa – Gestione servizi aziendali

La preiscrizione dovrà arrivare entro il 15 febbraio 2023. I lavori veri e propri dovranno essere consegnati entro il 29 aprile 2023

Il futuro è di chi lo fa. È il titolo-tema del concorso di idee rivolto alle scuole secondarie di secondo grado della nostra regione, lanciato e promosso da Sviluppumbria, ARPA Umbria, Fa’ la cosa giusta! Umbria e Gsa – Gestione servizi aziendali. Una vera e propria chiamata alle idee, nata in occasione di Fa’ la cosa giusta! Umbria, la fiera dedicata agli stili di vita sostenibili (che si è svolta a novembre), e che nei prossimi mesi entrerà nel vivo. La challenge si rivolge alle studentesse e agli studenti, i cittadini di domani, affinché in prima persona contribuiscano, tutti insieme e in gruppo, in un’ottica di cooperazione, nel fare dell’Europa un continente sostenibile.

Alla base del concorso (bando disponibile sul sito sviluppumbria.it) c’è il concetto di sviluppo sostenibile nella definizione delle Nazioni Unite, oggi obiettivo globale dell’Agenda 2030: “Soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere quelli della generazione futura”.

La challenge consiste nella presentazione di una business idea sui temi dell’economia circolare, dell’efficientamento energetico e della sostenibilità. Le classi sono invitate a pensare ed elaborare un vero e proprio progetto di impresa innovativa. L’idea alla base del prodotto servizio dovrà essere realizzabile e non di fantasia, dovrà risolvere un reale bisogno o crearne uno nuovo, dovrà essere innovativa (con innovativa si intende il miglioramento o il diverso utilizzo di prodotti già esistenti).

Le classi partecipanti dovranno presentare, attraverso strumenti multimediali, a loro scelta, il loro prodotto o servizio sostenibile realizzato dalla propria impresa; se possibile anche attraverso la creazione di un prototipo. 

Nella valutazione dei lavori saranno premiate le classi che rispetteranno i criteri di elaborazione ed esposizione relativi all’originalità e alla fattibilità del prodotto; alla sostenibilità ambientale, economica e sociale.

Il premio per i vincitori della challenge consiste in un percorso di formazione nell’ambito delle attività della SAFA, la Scuola di Alta Formazione Ambientale di Arpa Umbria.

Un percorso educativo e formativo tenuto da personale qualificato dell’Agenzia, per sensibilizzare i ragazzi alla tutela ambientale e della biodiversità, la sostenibilità delle loro scelte sulle sorti del pianeta e l’importanza del riuso e riciclo dei materiali.

Il percorso, le cui modalità (in presenza o on line) e il periodo di realizzazione verranno concordati in base alle esigenze degli Istituti Scolastici.

Il format del corso prevede due momenti differenti: un primo appuntamento teorico della durata di 2/3 ore, con una lezione frontale; un secondo step di carattere pratico-esperienziale, che si svolgerà attraverso un’uscita guidata a Isola Polvese, sul lago Trasimeno, per illustrare agli studenti le attività dell’Agenzia su biodiversità, economia circolare e sostenibilità.

Il trasporto da San Feliciano a Isola Polvese sarà a carico di ARPA.

I lavori degli studenti verranno presentanti nell’ambito di un evento pubblico nell’ambito del quale avverrà anche la cerimonia di premiazione e saranno presentati in occasione dell’edizione 2023 della fiera Fa’ la cosa giusta! Umbria. bando disponibile sul sito sviluppumbria.it

Info: g.aquilini@sviluppumbria.it – g.barberi@sviluppumbria.it – p.paccara@sviluppumbria.it

Giorgio Vicario

Ufficio stampa

Lascia un commento