11 C
Bastia Umbra
1 Febbraio 2023
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

ASSISI TRAINA IL TURISMO UMBRO, +35% NEL WEEK END DI NATALE.

Quasi 22mila presenze in tre giorni nel ponte dell’Immacolata

 

Incremento netto rispetto al 2019. Strutture ricettive piene, dati in aumento per Capodanno ed Epifania. Proietti e Leggio: “Eventi di qualità e promozione premiano”

IL COMUNE HA PREVISTO UNA NAVETTA GRATUITA DA SANTA MARIA DEGLI ANGELI AL CENTRO STORICO A DISPOSIZIONE DI TURISTI E VISITATORI

 

Assisi traina il turismo umbro anche durante le festività natalizie, registrando numeri record rispetto al 2019, anno precedente alla pandemia, durante i due principali fine settimana di dicembre, con un aumento del 35 per cento delle presenze nel week end di Natale, con oltre 29mila visitatori, mentre sono stati quasi 22mila in tre giorni nel ponte dell’Immacolata. I dati, diffusi dall’ufficio turismo e marketing territoriale del Comune di Assisi, derivano dalla rilevazione di presenze smartphone, effettuata da società specializzate e leader nel settore della telefonia, opportunamente rielaborate da piattaforme specifiche. Un sistema innovativo, che consente di fornire numeri certi e attendibili quasi in tempo reale, che sarà presentato alla città il 20 gennaio prossimo.

Intanto anche per questi ultimi due giorni dell’anno, oggi e domani 31 dicembre,   l’amministrazione comunale ha previsto una navetta gratuita a disposizione dei turisti e dei visitatori, che parte dal parcheggio della stazione ferroviaria di Santa Maria degli Angeli e, toccando tutti i parcheggi della città (Mojano, Giovanni Paolo II, Porta Nuova e Piazza Matteotti), arriva fino al centro storico; il passaggio della navetta è contemplato  ogni mezz’ora, dalle 11 alle 19.

Nel periodo dal 22 al 27 dicembre, sono stati ben 29.346 i turisti che hanno scelto la città di San Francesco per trascorrere il Natale, con un aumento progressivo di presenze, fino al picco di 6.550 del giorno 27. Numeri che rispetto al 2019, anno turisticamente significativo in quanto non ancora segnato dagli effetti della pandemia, parlano di un incremento del 35 per cento, con un’ampia prevalenza del turismo italiano, che rappresenta l’87 per cento del totale. Straordinari anche i dati relativi al ponte dell’Immacolata, con ben 21.505 presenze turistiche in tre giorni, dall’8 al 10 dicembre, con il picco di 7.701 il giorno 9, sempre con una forte prevalenza di turisti italiani (93 per cento) sugli stranieri. Si tratta di numeri eccezionali, destinati a crescere fra Capodanno e l’Epifania, visto il trend di questi giorni e le prenotazioni nelle strutture ricettive della città, che stanno registrando il tutto esaurito.

“Assisi – sottolinea il sindaco, Stefania Proietti – si conferma grande protagonista in Umbria, trainando l’intero flusso turistico regionale, che nella nostra città non trova soltanto bellezza, cultura, arte e spiritualità, ma anche un ampio cartellone di eventi di qualità in grado di richiamare un pubblico notevole durante le festività natalizie. Tutte le principali attrazioni e iniziative promosse durante la manifestazione Natale ad Assisi stanno, infatti, registrando numeri record, così come musei, concerti, spettacoli e visite guidate e lo stesso ufficio informazioni turistiche che ogni giorno accoglie centinaia di turisti”.

“Tutto questo – evidenzia Fabrizio Leggio, assessore al Turismo – è anche merito di un’ampia e nuova strategia di promozione dell’immagine della città, che ha previsto una campagna di comunicazione nazionale e regionale, con varie tipologie di strumenti, a cominciare dai social network, che ha prodotto risultati importanti. Il Natale ad Assisi inizia ad essere un prodotto turistico riconoscibile e riconosciuto e, rispetto a qualche anno fa, ha sensibilmente allungato la stagione turistica della città. Ringrazio, per l’impegno profuso, quanti hanno collaborato alla riuscita della manifestazione e, in particolare, l’ufficio turismo che per mesi ha lavorato alacremente per questi risultati, a favore dello sviluppo città e dell’intero territorio”.

Lascia un commento