15.5 C
Bastia Umbra
24 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Politica

Lega di Assisi: “Mancato intervento sullo stato di manutenzione delle piante di alto fusto sulla strada SS 147 nel tratto denominato Viale Vittorio Emanuele II.”

ASSISI – “Osserviamo ancora una volta che alcuni tratti del territorio di Assisi sono completamente abbandonati. Per questo motivo segnaliamo alle autorità competenti, Comune o Provincia (governati oggi da un unico interlocutore), un immediato intervento”. Ad affermarlo i consiglieri del Gruppo Lega Francesco Mignani e Jacopo Pastorelli. “Alcuni giorni fa, abbiamo fatto notare all’amministrazione la presenza di una grande discarica nei pressi della zona industriale di Santa Maria degli Angeli – proseguono i consiglieri –  Gli amministratori, celeri a scrivere, piuttosto che ad intervenire, ci avevano assicurato la pronta rimozione dei rifiuti. Rimozione che però ad oggi non è stata ancora effettuata.

Torneremo sull’argomento, come insisteremo sullo stato di pessima manutenzione del percorso verde del Tescio e sulla chiusura della stazione di conferimento dei rifiuti in località Ponte San Vittorino.

 

Come gruppo consiliare Lega Assisi, vogliamo piuttosto far presente, così ci indicano i cittadini, la situazione degli alberi ad alto fusto presenti sulla SS 147 per tratto di Viale Vittorio Emanuele II, meglio conosciuto come “circonvallazione di Assisi”. Attualmente le varietà di alberi, lecci, ippocastani, tigli ed altro, si presentano in tutto il loro splendore con un verde lussureggiante, tanto che la strada risulta gradita da percorrere sia a piedi o in auto perché piacevolmente fresca.

Tuttavia gli alberi in questione, non vengono potati da anni, cosi che alcuni rami verdi coprono del tutto la carreggiata toccandosi reciprocamente. Lateralmente, invece formano dei veri tunnel e la presenza di numerosi rami secchi, spesso spezzati dai venti e dalle intemperie, cadono rovinosamente a terra. Aggiungiamo inoltre la presenza degli spunzoni d’albero che crescono alla base dei tronchi e che rendendo difficile il passaggio pedonale, reso poco praticabile, tra l’altro, dallo stretto marciapiede. Immaginiamo così, le difficoltà di transito dei visitatori con carrozzine e passeggini. Non siamo espertissimi di potature, ma per quel po’ che si conosce, sappiamo che andrebbero fatte ogni anno e lontane dal rischio di gelate. Meglio sarebbe ad inizio primavera. Purtroppo questo non è avvenuto da tempo, con responsabilità da parte di chi ha amministrato la Provincia, in questi anni e del comune che non è stato adeguatamente pressante con l’ente.

Ricordiamo che l’Anas ha delegato la Provincia per la manutenzione di tale tratto di strada.

Questo tunnel verde, se pur bello alla vista, risulta dunque, notevolmente pericoloso per i grandi mezzi che vi transitano; autobus e camion i quali spesso urtano sui rami bassi non curati, provocandone la caduta con grande pericolosità per la viabilità, anche di pedoni e danneggiamenti vari alla carrozzeria dei mezzi stessi.

La nomina a presidente della Provincia del sindaco di Assisi, pensavamo avesse delle positive ricadute anche per la nostra città, con attenzione a quei particolari  legati alla sicurezza della viabilità, alla cura del verde pubblico e delle piante, di spettanza provinciale, visto che a decidere non ci sono più intermediari, ma un’unica persona. Ci dobbiamo ricredere purtroppo. Rammentiamo che questa arteria è fondamentale per l’accesso alla città, un vero biglietto da visita e per questo andrebbe salvaguardata e valorizzata, vuoi per ciò che concerne la praticabilità con auto, ma anche per quella ciclo-pedonale. Questo ultimo aspetto, potrebbe avere una importante valenza turistica, dato che corre parallela alle mura urbiche e che tocca tre delle più importanti Porte della Città. Anche in questo caso occorrerebbe possedere la capacità di avere più cura e saper guardare più avanti. Lo ricordiamo desolatamente ogni volta”.

 

 

Assisi, 12 maggio 2022

 

Ufficio comunicazione Lega Umbria Salvini Premier

Simona Fuso M.

Lascia un commento