2.2 C
Bastia Umbra
27 Gennaio 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bettona Cultura

Bettona – Le vie del borgo si trasformano in un “Presepe vivente” Presentata in Provincia la 13ma edizione. Sicurezza garantita con prenotazione online.

Bettona, 17 dicembre ‘21 – Un Presepe vivente unico nel suo genere, dove alla ricostruzione di scene di vita e mestieri si unisce il gesto teatrale in cui gli oltre 150 figuranti interpretano una vera e propria catechesi. Il borgo di Bettona si prepara a far immergere i visitatori nell’intima atmosfera natalizia. Nella mattinata odierna è stato presentato in Provincia di Perugia (Sala Pagliacci) il “Presepe vivente”, quest’anno per la prima volta sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia.

Ad illustrare la 13ma edizione il Vicepresidente e segretario della Proloco di Bettona Mattia Mattioli e Giulia Canalicchio e il Vice Sindaco e Assessore al Turismo e Eventi del Comune di Bettona.

Conosciuta come una delle rappresentazioni più suggestive dell’Umbria l’edizione di quest’anno si dota di un sistema di prenotazione online che permette di coordinare i flussi dei visitatori, consentendo le visite a turni e un’esperienza nella massima sicurezza e controllo. Un grande sforzo organizzativo e logistico che sottolinea la volontà di costruire un evento unico nel rispetto di tutte le norme.

Per Mattioli “La scelta di questa modalità ha richiesto un impegno importante sia per la progettazione del sistema di prenotazione, semplice, intuitivo e soprattutto il coordinamento con un referente della sicurezza. Il presepe di Bettona rappresenta per questo Borgo un evento identitario, in cui tutti si riconoscono e vogliono partecipare. Non volevamo rinunciare alla rappresentazione e per questo abbiamo deciso di investire su questo sistema, che tra l’altro consente di organizzare al meglio il flusso viario dei visitatori e le logistiche di parcheggio” .

Sarà possibile prenotare sino a due ore dall’inizio di ciascuna rappresentazione.

 

 

L’allestimento è pensato per far scoprire vicoli, angoli e vie in modo emozionante, illuminati dalle sole candele. Al valore tradizionale e spirituale si aggiunge così anche quello turistico in quanto Bettona, già nella lista dei Borghi più Belli d’Italia, diventa un’attrazione in un periodo di alto flusso turistico in Umbria, vocata a questo tipo di eventi.

“L’amministrazione comunale – sono le parole del vice sindaco – ha sostenuto da subito la scelta di rimettere in scena il Presepe, mettendo a disposizione le proprie competenze. Crediamo che Bettona sia un naturale teatro per eventi di questo genere. E crediamo che occasioni come questa siano un perfetto motore promozionale per il Borgo e per tutto il territorio circostante. L’aspetto della sicurezza era per noi imprescindibile e abbiamo accolto con grande entusiasmo la scelta fatta dalla ProLoco di Bettona”.

 

Il presepe è anche l’occasione per un tour enogastronomico sulle eccellenze di questo territorio. Infatti sono allestiti degli stand nella modalità street food sulla piazza principale: verranno proposti i tipici arvotoli, zuccherini di Bettona e altri prodotti della tradizione. Tradizione che torna anche nelle scene, dove gli anziani del borgo rivitalizzano antichi mestieri come l’intreccio del giunco, la terracotta, la tintura dei tessuti.

Per Giulia Canalicchio “il presepe è un momento di unione sociale, di contatto tra generazioni diverse che colgono l’occasione per partecipare a un progetto corale e dove i saperi di un tempo tornano ad essere protagonisti. È stata infatti unanime l’adesione dei cittadini a prendere parte al presepe già da mesi prima, realizzando manufatti, scenografie, monili. Il presepe riaccende la creatività e la partecipazione di tutti e questo è un patrimonio che non volevamo perdere per un altro anno”.

Un progetto articolato, studiato nel dettaglio, con tredici anni di esperienza alle spalle e che ha ottenuto per questo il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. “Siamo lusingati e gratificati da un così importante riconoscimento – ha concluso Mattioli -. Il sostegno che la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia ha voluto concedere dimostra che siamo sulla strada giusta. Supportare eventi che insieme riescano ad essere un collante sociale, un contenitore di tradizione e folklore e infine una proposta turistico-culturale sottolinea la grande attenzione al territorio che la Fondazione da sempre dimostra”.

 

Date e orari delle rappresentazioni (accesso solo su prenotazione):

-26 dicembre 2021 dalle 17:30 alle 19:40;

-1, 2 e 6 gennaio 2022 dalle 17:30 alle 19:40.

Ogni gruppo sarà accompagnato da una guida attraverso il borgo, assistendo alle scene recitate.

L’intero percorso ha una durata di circa 40 minuti.

 

 

Agenzia quotidiana di informazione a cura della Redazione Stampa

Servizio Affari Generali della Provincia di Perugia

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy