8.1 C
Bastia Umbra
28 Novembre 2021
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Attualità

Claudia Maria Travicelli sulla “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”.

Giovedì 25 novembre – ci apprestiamo a ricordare la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. Si annunciano, come ogni anno manifestazioni Scarpette rosse, panchine rosse, fiaccolate e “flash mob”. Malgrado ciò, ogni giorno le cronache ci riportano atti gravissimi di violenza contro donne, purtroppo femminicidi  su femminicidi. Non ultimo l’atroce gesto avvenuto in Emilia Romagna, quello di Juana Cecilia 34enne trovata priva di vita in un parco a Reggio Emilia, purtroppo non è la sola ma una delle tante, troppe. Il presunto assassino, che a quando sembra sarebbe figlio a sua volta di una donna vittima di femminicidio da parte del padre. Certo non è o deve essere una scusante, anche perché lo stesso sembrerebbe che tempo indietro aveva avuto denunce in tal senso. Gli esperti e i fatti ci ricordano che spesso la violenza inizia sempre prima, con atti che sfociano nella paranoia, in casi si stalking, i segnali premonitori sono evidenti e si presentano anche anni prima, ma pare che spesso nemmeno la vittima riesca a cogliere e, quando denunciati, la legislazione attuale, anche se formalmente rafforzata, poco può ad arginare tutto questo.

Ogni anno il 25 novembre, leggiamo di manifestazioni a cui partecipano le solite personalità politiche che sempre più spesso pontificano, in quella che è una ricorrenza comandata. Bisogna però togliere dalla testa di certi politici e di tante personalità che spesso si sentono immuni a certi eventi e a certi argomenti, che se non ci si attiva seriamente e con competenza queste tragedie non troveranno fine. Forse troppo spesso ci si dimentica che la società siamo noi, i nostri mariti, ex mariti, compagni, fidanzati, ex fidanzati, ex compagni, figli e figlie. Non voglio assurgermi a ruolo di sociologa ma il problema risieda nella nostra comunità, nelle nostre convenzioni e convinzioni. Oggi noi donne, dobbiamo batterci affinché tutto questo modo di vederci come oggetti finisca e vi sia un rispetto assoluto. Sin dalle scuole dobbiamo iniziare ad educare, sin dalla prima infanzia, sulla condizione e il rispetto delle donne. Occorre educare i giovani, i bambini a considerate la differenza tra possesso e amore, affinché nessun gesto non diventi una violenza o un atto di possesso.

Dall’Assemblea dell’ONU il 17 dicembre del 1999 con la risoluzione 54/134, uscirono del concerto chiari in materia e questa giornata non deve rimanere solo in ricordo di un fatto di sangue, il sacrificio delle sorelle Patria, Minerva e María Teresa MIRABAL, barbaramente torturate e uccise dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo nella Repubblica Dominicana il 25 novembre del 1960. Ricordiamo il Numero Verde 800.86.11.26,  accessibile gratuitamente ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni su sette, da tutto il territorio regionale. Questo è il numero nazionale antiviolenza Tel. 1522

Il nostro grazie sincero va a tutte le operatrici dei Punti informativi e di ascolto d’Italia, in modo particolare quelle della Zona Sociale 3 (Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara e Valfabbrica), donne che accolgono nei vari Comuni tante donne in difficoltà.

24/11/2021

Claudia Maria Travicelli

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy