23.7 C
Bastia Umbra
22 Giugno 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra

Bastia Umbra celebra il 4 novembre. Discorso del Sindaco Paola Lungarotti durante la deposizione delle corone di alloro per la giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate.

Autorità civili, militari, politiche e religiose, Associazioni degli ex combattenti, concittadini e concittadine, cari studenti e care studentesse, oggi commemoriamo il 4 Novembre la Festa dell’Unità nazionale e delle Forze armate che quest’anno collima con il Centenario della traslazione del Milite Ignoto all’Altare della Patria centenario  al quale il Consiglio comunale  con la Delibera n. 24  del 29 aprile 2021 ha conferito all’unanimità la Cittadinanza Onoraria.  Giovedì scorso, il 4 Novembre presso il Cimitero di Bastia Umbra, nell’area del monumento dedicato alle vittime di tutte le guerre, sotto la croce in pietra grigia, dietro l’abside della antica  chiesa di San Paolo,  abbiamo deposto una corona di alloro e con le note del “Silenzio” abbiamo scoperto la targa  per ricordare il Milite Ignoto e tutti i caduti, ”IN MEMORIA DEL MILITE IGNOTO SIMBOLO DI TUTTI I COMBATTENTI E I CADUTI PER LA PATRIA DI OGNI TEMPO NELL’ANNO DEL CENTENARIO”.
Un omaggio alla memoria di tanti caduti, partiti da agni angolo del nostro paese di cui non si conosce il nome e il luogo di sepoltura  ma che hanno dato all’Italia l’identità di una Nazione.

Celebrare il ricordo e la memoria di quanti hanno sofferto, sino all’estremo sacrificio, per lasciare alle giovani generazioni un’Italia unita, indipendente, libera, democratica  – come ha scritto  il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio inviato al Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, in occasione del 4 novembre.

L’unità del nostro Paese è il frutto del valore e del coraggio dei nostri concittadini, di tutti i caduti o dispersi nella Prima e nella, nella Seconda Guerra Mondiale, in tutte le guerre, a tutti i militari che hanno partecipato e partecipano alle missioni umanitarie. A tutti i militari e a tutte le Forze dell’Ordine che garantiscono la nostra sicurezza va la nostra gratitudine nella  giornata delle Forze Armate.

Unità, è su questa parola che voglio soffermarmi.

Unità grazie al coraggio dei nostri caduti che con la loro vita hanno fatto  del tricolore la nostra Bandiera, il vessillo della libertà.

 

Unità grazie a chi ha giurato fedeltà al proprio Paese con spirito di appartenenza, con autentica dedizione proteggendo ognuno di noi difendendo la nostra libertà.

Unità allora diventa sinonimo di umanità, di prendersi cura l’uno dell’altro. Unità è l’esempio e la strada per i nostri giovani.  Unità come collettività e bene comune.

Questi lunghissimi mesi di pandemia ci hanno insegnato che solo uniti si può guardare a domani.

Con la commemorazione del 4 novembre si è aperta una nuova pagina di storia per il nostro Paese, l’Unità, la Pace hanno portato alla  prosperità della nostra Nazione.

Per essere Nazione occorre una grande unione.

Il 4 novembre è anche il giorno delle Forze Armate. Il Ringraziamento  a nome di tutta l’Amministrazione comunale e della comunità bastiola va ai militari in servizio in Italia e nelle missioni internazionali all’estero, alle Forze Armate esempio di uno spirito unitario, in prima linea anche nella battaglia contro la pandemia. Grazie a tutti gli uomini e le donne delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine a cui va tutta la nostra riconoscenza esempio di grande professionalità, garanti di identità nazionale e dei valori su cui si fonda la nostra democrazia.

 

Ringrazio Le autorità militari e religiose presenti,  il Presidente di ANMIG regionale, dott. Remo Gasperini, ANMIG Perugia, la Presidente della Sezione Dott.ssa Rita Bacoccoli, la Signora Ilvana Mela  in rappresentanza della famiglia di Luigi Mela, scomparso nel 2016, ultimo Presidente dei mutilati e reduci di Bastia, sezione ANMIG Bastia Umbra. Ringrazio il Maresciallo Gennaro Colella capo della stazione dei Carabinieri di Bastia Umbra, la Polizia Locale, la Comandante Carla Menghella,  i parroci delle parrocchie di Costano Ospedalicchio, Bastia Centro,  le Associazioni combattentistiche, militari e civili, l’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo, Presidente Alfiero Gallorini.  Ringrazio la Confederazione Italiana fra le Associazioni Combattentistiche e partigiane. Gli assessori e i consiglieri, le scuole, i dirigenti e le famiglie. Ai nostri studenti e alle nostre studentesse rivolgo l’appello ad essere promotori di pace, tolleranza, unità. Si è più forti insieme.

Grazie alla prof. ssa Teresa Morettoni con cui abbiamo ripercorso la memoria e il ricordo visitando le Vetrate di Santa Croce, Monumento ai Caduti. I monumenti presenti sul territorio comunale e dedicate ai Caduti sono state inserite nel censimento ” Pietre della Memoria”, il progetto realizzato dall’ ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra e Fondazione) che ha lo scopo di promuovere lo studio e favorire la conoscenza della storia contemporanea tenendo viva la memoria dei Caduti delle due guerre. Nella Sala della Consulta del Palazzo Municipale in piazza Cavour, realizzata nel 1921 per onorare il Milite ignoto e i caduti della Grande Guerra sono state proiettate e commentate le immagini di tutti i monumenti ai Caduti presenti sul territorio di Bastia Umbra e inseriti nel sito Le Pietre della Memoria, con un commento del Presidente regionale ANMIG. L’evento, dal titolo “Viaggio della Memoria – i Monumenti ai Caduti nel Comune di Bastia Umbra nel Centenario del Milite ignoto”, realizzato dal Comune di Bastia Umbra in collaborazione con ANMIG regionale Umbria.

COMUNE DI BASTIA UMBRA

Lascia un commento