29.6 C
Bastia Umbra
25 Giugno 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Politica

M5S BASTIA UMBRA – La nostra risposta all’assessore all’ambiente: “Se d’altrui parlar vorrà, guardi sé stesso e tacerà!”

Il gatto mal usato quel che fa gli vien pensato! Credevo fosse un proverbio legato ai miei trascorsi spoletini, tuttavia, il detto è perfettamente traducibile con: “Chi d’altrui parlar vorrà, guardi sé stesso e tacerà!”
I giochi sottobanco stile Risiko non mi appartengono! E le dietrologie sulla mia uscita anticipata dal consiglio comunale del 30 luglio per motivi squisitamente personali le restituisco al mittente.
Piuttosto ragioniamo sul contenuto del consiglio:
Primo punto l’assestamento di bilancio: a nome del gruppo Movimento 5 Stelle di Bastia non ho potuto evitare il nostro voto contrario ad un assestamento di bilancio così tanto privo di spessore, lungimiranza e di qualsiasi slancio per il futuro.
Il PAIM in località Cipresso/Costano a favore dei proponenti Polinori Tarciso e Forini Spa, che potrebbe essere visto come un intervento positivo di abbattimento del detrattore ambientale, di fatto è il consueto DO UT DES
Si tratta del solito piano di iniziativa mista in cui il privato realizza delle opere pubbliche senza versare nelle casse comunali gli oneri di urbanizzazione dovuti per la nuova edificazione oggetto del piano, in barba al nostro vigente PRG, strumento con il quale si dovrebbe realizzare una urbanizzazione armoniosa della città e soprattutto LINEARE, parola che non è invece stata ancora rintracciata nel vocabolario della giunta Lungarotti!
Forse è proprio questo il motivo per cui il nuovo PRG è stato nuovamente annunciato in arrivo sul binario dell’assessore e vicesindaco, visto che poi le deroghe al piano suonerebbero come stonate, mentre ora sembrano giustificabili, per la non adeguatezza del nostro datato PRG.
Inoltre, se per la soluzione del problema della cattiva immagine dei detrattori ambientali mettiamo a disposizione premiale il suolo e l’aria per erigere nuovi cubi di cemento, destinati a diventare futuri detrattori ambientali per la loro inutilità, non facciamo un buon servizio alla comunità.
I luoghi del lavoro: opifici, stalle, essiccatoi, serre, non sono detrattori ambientali: lo diventano quando sono abbandonati per diventare un tesoretto puzzolente per il futuro, affidato alla tolleranza della comunità.
Ecco perché abbiamo votato contrari, sottolineando inoltre l’atteggiamento arrogante e surreale della maggioranza, evidenziato dalla telefonata fatta nel bel mezzo del consiglio, a casa del dirigente urbanistica, per sollecitare un parere sul testo dell’emendamento alla delibera sul PAIM che evidentemente doveva essere approvato senza alcun indugio, a differenza degli emendamenti sulle proposte della minoranza, che invece producono stranamente lo stop di tutta la pratica a data da destinarsi, al fine di rendere la richiesta successivamente superata dai tempi,  oppure bocciata con altri espedienti che prontamente la giunta Lungarotti trova, come già successo ad esempio per il nostro ODG dell’anno scorso per favorire ed ampliare gli spazi a disposizione per i bar e ristoranti all’aperto grazie al taglio della TOSAP del governo Conte-2.
E, a proposito di ambiente, noi non vogliamo affatto rimbambire nessuno: i nostri ordini del giorno vorrebbero focalizzare l’attenzione sulla neutralità climatica nel 2050 e la riduzione delle emissioni nette di gas serra di almeno il 55% entro il 2030!
Mentre la maggioranza si loda dicendo di aver approvato due nostri ordini del giorno, noi abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere come e cosa voglia fare per renderli efficaci. Vogliamo parlare delle macchine mangiaplastica o del “Manifesto di Assisi”, un patto della società civile per un’economia a misura d’uomo e d’ambiente a cui il Sindaco Lungarotti aderì il 24 gennaio 2020?
Respingiamo quindi il comunicato di Sindaco e maggioranza in quanto esso è solo un altro tentativo di addossare la responsabilità ad altri per le critiche che noi dell’opposizione rivolgiamo loro.
01/08/2021
Laura Servi
Consigliere comunale MoVimento 5 Stelle Bastia Umbra

Lascia un commento