33.3 C
Bastia Umbra
18 Giugno 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Politica

ASSISI DOMANI: “CENTRI ESTIVI DI ASSISI: INSENSATE E INAPPROPRIATE STRUMENTALIZZAZIONI DA PARTE DI PASTORELLI”.

Centri estivi di Assisi, croce e delizia del consigliere regionale Pastorelli, che, invece di occuparsi della preoccupante emergenza sanitaria in atto e di quella economica conseguente, preferisce perdere tempo prezioso in contorte ipotesi di presunte “anomalie” nella assegnazione dei contributi destinati ai centri estivi. 

A beneficio della trasparenza, ricordiamo al consigliere regionale che le risorse assegnate dal Ministero ai Comuni per il finanziamento dei centri estivi 2020 e contrasto alla povertà educativa, sono state stanziate “… al fine di sostenere le famiglie …”, quali soggetti beneficiari “indiretti” dell’intervento legislativo e, quindi, veri destinatari di tali risorse.  

Grazie ai contributi del Dipartimento per le politiche della famiglia, gli organizzatori e gestori dei centri estivi avrebbero infatti potuto offrire alle famiglie un servizio a basso costo senza subire alcuna perdita economica. 

Tutto ciò non è stato possibile in quanto le risorse ed i criteri attraverso cui ripartirle sono arrivati a fine luglio, quando oramai i campus estivi avevano preso il via da oltre un mese. 

Nonostante ciò, l’Amministrazione si è comunque adoperata per sostenere tutti coloro che questa estate hanno garantito un servizio fondamentale, chiedendo al Ministero se fosse possibile distribuire tali risorse agli organizzatori e gestori dei campus, anche nel caso in cui questi non avessero avuto nessun rapporto di collaborazione con il Comune nè avessero offerto alle famiglie il servizio ad un costo calmierato.  

Alla positiva risposta ministeriale, l’Amministrazione comunale ha deciso di assegnare un contributo, secondo parametri contenuti nel relativo bando, alle associazioni che hanno organizzato e gestito i centri estivi 2020, senza tuttavia chiedere loro alcuna rendicontazione economica, che rappresenta di norma il presupposto per la liquidazione di qualsiasi tipo di contributo, avvalendosi della deroga consentita in tal senso dalla normativa.  

Sindacare il “quantum” che l’Amministrazione ha destinato ai gestori dei centri estivi, in un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, rappresenta un offesa per tutte quelle categorie che non solo non hanno potuto svolgere il proprio lavoro in questi mesi, ma non hanno neanche ottenuto alcuna forma di aiuto pubblico. 

La volontà dell’Amministrazione è andata nella duplice direzione di sostenere gli organizzatori e gestori dei centri estivi con una parte delle risorse ministeriali assegnate e, con la restante parte, di realizzare gli altri interventi previsti dalla legge, volti, non certo a riparare i “… danni …” artificiosamente ipotizzati da Pastorelli, quanto piuttosto alla necessaria riqualificazione e riorganizzazione di spazi dedicati a ospitare bambini per le future attività estive, quali, appunto, le aree verdi. 

Da ultimo, riteniamo che sia un insulto all’umana intelligenza l’affermazione di Pastorelli di essere “… al fianco dei lavoratori e delle associazioni …”. Pastorelli è consigliere e capogruppo del più importante gruppo politico in Regione. Anziché fare una insana e inappropriata opposizione all’Amministrazione comunale legittimamente guidata da Stefania Proietti, dovrebbe pensare al proprio ruolo in Regione, dove l’unica misura adottata in questi mesi ha di fatto penalizzato le già martoriate piccole attività commerciali del Comune di Assisi e, in particolare, del centro storico. 

08/11/2020

Gruppo consiliare Assisi Domani 

Cardinali, MigliosiSdringola 

Lascia un commento