9.5 C
Bastia Umbra
29 Gennaio 2020
Terrenostre 4.0 giornale on-line, Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Attualità Politica

Travicelli: “E poi … e poi … non si dica che questo Comune fa acqua da tutte le parti … e come mai nessuno vede l’allagamento di gran parte del percorso pedonale del sottopasso che porta al Lyrick e gli altri problemini di quella zona?”

Da giorni stiamo raccogliendo alcune lamentele di cittadini di Santa Maria degli Angeli e non solo, circa una serie di problematiche che andremmo ad elencare, affinché, chi di competenza possa raccoglierle e prendere gli adeguati provvedimenti. Naturalmente allegheremo le foto.

 

Sottopasso (pedonale) c.d. del Lyrick, quello tra il teatro e le Fonderie Tacconi.

A quota più alta del piano stradale del sottopasso, c’è anche un sottopasso pedonale che da Via Protomartiri Francescani, mediante via Francesco di Bartolo, conduce in Via Gabriele D’Annunzio (angolo teatro Lyrick) che poi prosegue in superficie fino a Via di Valecchie e, ovviamente, viceversa. Le proteste che abbiamo raccolto, e verificato con i nostri occhi, riguardano in particolar modo il tratto che conduce al Lyrick. Anche in questo caso le problematiche sono diverse e differenti.

Iniziamo dalla scala che dall’angolo del Teatro Lyrick porta al sottopasso. Questa è spesso ricolma di immondizia di ogni genere, sovente ci viene riferito vi si trovano persino delle siringhe. Inoltre, questa scala, al contrario di tutte le scale pubbliche del Mondo, ha il corrimano solo da un lato, che sembra sia stato montato di recente. Mentre l’altro lato ne è totalmente sprovvisto. Ciò, oltre a causare pericolo per chi la percorre, impedisce a persone con ridotta mobilità, di avvalersi dei due corrimani, che aiuterebbero nel movimento, oppure se si incontrassero contemporaneamente in senso inverso, eviterebbero, come spesso succede, di percorrerla in senso alternato. Sempre al disopra della scala, nel viottolo che conduce alla parte opposta a Via D’Annunzio del teatro, vi è un improvviso e importante avvallamento del mattonato, che risulta essere pericoloso per la circolazione pedonale. Questo avvallamento è tra la zona in c.a. e quella dove tale tipo di mattonato è di norma allettato sulla sabbia, anche per favorire la permeabilità.

La cosa più grave e fastidiosa e al contempo pericolosa, è l’allagamento di gran parte del percorso pedonale del sottopasso, al verificarsi di piogge abbondanti, come abbiamo potuto verificare proprio Mercoledì 2 ottobre 2019, dopo l’abbondante piovuta pomeridiana. Si vedano le foto allegate. Questo allagamento è dovuto al fatto che, essendo il percorso caratterizzato, indipendentemente dalla direzione che si affronti, da una pendenza iniziale, un tratto in falso piano, che di fatto è un avvallamento, e di un successivo tratto in pendenza. Nel tratto con quota più bassa, a parte dei fori con tubi di drenaggio, eseguiti sul sottostante muro, sembra dal Comune di Assisi tempo fa, questi non partono da nessuna griglia, ma dallo stato sottostante alla pavimentazione permeabile, e che si sono rilevati del tutto inutili a drenare l’acqua quando questa è abbondante (vedi foto allegate). Non vi sono altri sistemi di deflusso delle acque. Inoltre, sono evidenti i cedimenti della pavimentazione stessa, dovuti al normale cedimento della parte sottostante che è permeabile e quindi appoggiata su uno strato di sabbia e sotto ancora terra e/o breccino. L’unica grata con un canale di scolo, tra l’altro di ridotte dimensioni, è posta sul lato in pendenza verso Assisi, in una posizione che è del tutto inutile a fermare il deflusso delle acque. Un canale di scolo con grigliato, si dovrebbe trovare nella parte con quota più bassa del percorso, dove è noto che l’acqua va ad accumularsi fino ad allagare il tratto di camminamento posto appunto tra il muro di contenimento superiore e quello inferiore, quando non riesce a defluire normalmente. In questo caso, le cause di tutto ciò, possono essere due, o un errore di esecuzione o un errore di progettazione. Comunque sia, la causa o le cause, vanno risolte celermente, essendo già in autunno, inoltre, la fine di ottobre e gli inizi di novembre, statisticamente, è il periodo più piovoso dell’anno. Le doglianze dei cittadini presso i vari organi del Comune, ci raccontano, sono state molte e reiterate nel tempo, alle quali però, come si vede, non è seguito nulla. 

Passaggio pedonale angolo Fonderie Tacconi e Via Protomartiri Francescani, in direzione del Cimitero.

Che il nostro Comune sia colmo di stranezze è cosa nota. In questo caso rasenta il paradosso. Il passaggio pedonale in oggetto, da un lato (verso Castelnuovo/Tordandrea) è adatto ed accessibile ai disabili, l’arrivo al marciapiede lato Tacconi no. Alcune persone disabili che risiedono in quella zona, o si trovano a transitarla, segnalano difficoltà insormontabili ad attraversare la strada in carrozzina per poi giungere al Cimitero, trovandosi davanti un alto gradino che è il marciapiede. Oltre alla situazione grave, oseremo dire da manuale dell’orrore, è una ulteriore dimostrazione di un disinteresse da parte di questa Amministrazione per i portatori H. Tante, troppe sono le chiacchiere … Occorrerebbero poche ore di lavoro per porvi rimedio. Sarebbe cosa gradita ed intelligente risolverlo prima della Ricorrenza dei Santi e dei Morti (anno 2019).

Palo illuminazione rotatoria (Tacconi) da circa un anno spento.

Uno dei pali della pubblica illuminazione, posti all’interno della rotatoria, quello in direzione Assisi, sempre alcuni residenti ci segnalano, che è spento da mesi, nonostante riferiscono che, la circostanza sia stata più volte segnalata al Comune. Non siamo a conoscenza di chi sia la gestione di questo lotto di illuminazione, cerchiamo di segnalarlo sperando che le Autorità, a loro volta, se ne facciano carico, oppure segnalino ciò all’eventuale gestore del servizio.

I cittadini, come al solito, non riescono mai a trovare un canale serio ed affidabile che interfacci le loro esigenze all’Amministrazione o a chi per loro. Quando si rivolgono a noi, pensiamo che qualcuno ha fallito è così è.

Questo è uno degli innumerevoli casi che la cittadinanza ci segnala, e dei quali ci siamo sempre fatti latori verso l’Amministrazione affinché vi venga posto rimedio, richieste che hanno ricevuto spesso, da parte di alcuni amministratori, tramite comunicati stampa speciali … risposte strampalate, inesatte, inadeguate, dettate dalla rabbia, che tutto hanno a che fare, ma non con un’ Amministrazione  capace, concreta ed attenta.

È scandaloso questo fatto. Mentre nelle segrete stanze, ma poi neanche tanto segrete, si azzannano tra loro per le bramosie di potere, o per quello che immagina gran parte della città, è sempre il cittadino che, inesorabilmente, ne paga le conseguenze.

Auspichiamo che le cose possano cambiare al più presto, speranza vana per il momento.

Noi, saremo sempre tra la gente, vigili ed attenti, a quelle che sono le dimenticate esigenze dei cittadini e le mancanze di chi se ne dovrebbe occupare. Il cittadino, per noi è e sarà sempre al primo posto! Non merita un Comune che fa acqua da tutte le parti …

 

Claudia Maria Travicelli

(Democratici e Popolari per Assisi) 

Leave a Comment

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy