34.6 C
Bastia Umbra
26 Giugno 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Iguana libera in giardino,catturata dalla Forestale

IGUANA.jpg2_-660x330L’intervento a Bastia Umbra, l’animale poi è morto
BASTIA UMBRA – Una iguana a spasso per Bastia Umbra. È l’emergenza che il personale del servizio Cites del Corpo Forestale dello Stato ha dovuto affrontare una volta che è intervenuto a seguito di una segnalazione pervenuta al numero di emergenza ambientale 1515. La telefonava avvertiva della presenza di un esemplare di iguana di grandi dimensioni (circa 1,5 metri). L’animale era stato ritrovato da un cittadino nei pressi della propria abitazione nel comune di Bastia Umbra.L’iguana si presentava in condizioni di ipotermia considerata la stagione invernale, e giaceva semiparalizzata su una recinzione metallica,per tale motivo è ipotizzabile che sia stato abbandonato di recente. È stato prelevato dal personale specializzato del Cfs e trasportato presso un centro autorizzato di accoglienza dove verrà tenuto in attesa dell’individuazione del proprietario.L’esemplare di iguana, inoltre, è stato posto sotto sequestro ipotizzando il reato di maltrattamento e abbandono di animali. Si tratta di una specie protetta dalla Convenzione di Washington e dal regolamento comunitario CE 338/97 inserita nell’allegato B il cui commercio è sottoposto a controllo. L’animale è morto prima di arrivare al centro della Città della Domenica a Perugia. Si ripresenta come ogni anno con varie forme e modalità il malcostume dell’abbandono di animali nati e allevati in cattività, che quando hanno raggiunto dimensioni tali da rendere problematica la loro gestione,vengono lasciati al loro destino. Avverte la Forestale: «È bene ricordare che gli animali abituati alla vita in cattività non sono in grado di sopravvivere nell’ambiente naturale, a maggior ragione quando si tratta di specie esotiche; pertanto per non condannarli a morte sicura si invitano quindi i detentori a rivolgersi presso centri specializzati o alle istituzioni pubbliche preposte».

Lascia un commento