14.9 C
Bastia Umbra
29 Marzo 2023
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Ansideri e la Carosati si studiano

I grandi elettori Mantovani e Brozzi scendono in campo per i due contendenti

di Sara Caponi
BASTIA UMBRA-Saranno due settimane intense, le prossime, a Bastia Umbra,che come cinque anni fa si prepara all’avvincente sfida a due: in campo il sindaco uscente Stefano Ansideri e la sfidante del centrosinistra Simona Carosati, rispettivamente primo (con 5.542 voti, pari al 46,5% del totale) e seconda (con 4.657 voti, pari al 39,0% del totale) alle elezioni per il rinnovo dell’amministrazione comunale. Mancato da entrambi l’obiettivo del 50%più uno dei voti, necessario a vincere al primo turno, i due si preparano ad affrontare il ballottaggio che il prossimo 8
giugno li vedrà impegnati nella sfida più importante, quella per l’ambita fascia di sindaco.Fuori dal duello l’alfiere del Movimento 5 Stelle, Marcello Rosignoli, terzo con 1.728 voti, pari al 14,5% dei voti totali.A bocce ferme l’analisi del voto restituisce un quadro politico interessante e meritevole di qualche riflessione.Da una parte, infatti,si registra un centrodestra debole,dove Forza Italia e Fratelli d’Italia si fermano rispettivamente all’8,1% e 5,8%, a fronte del 20% incassato nel 2009 dall’allora Pdl. Dall’altra, la presenza dei renziani non basta a tirare la volata al Pd, fermo al 27,2% (sostanzialmente in linea con il 28,8% del 2009 ma debole rispetto alla tendenza umbra e nazionale delle amministrative ed europee).Prc e Sel, unite nella lista La sinistra per Bastia, ottengono infine un magro 3,7%.A trainare al galoppo la coalizione di Ansideri sono invece le due liste civiche Ansideri sindaco e Bastia popolare (rispettivamente al 18,6% e 13,5%), che insieme valgono i due terzi della coalizione. Al contrario, nel centrosinistra le due liste civiche Cambia Passo! e Bastia per te! non decollano e insieme non raggiungono neanche le due cifre, ottenendo rispettivamente il 3,0% e 6,3%. “E’ un ottimo risultato per la coalizione a sostegno di Ansideri – ha commentato lunedì a caldo
il consigliere regionale Massimo Mantovani – convinto che i cittadini abbiano recepito che la città è ben amministrata e che, in cinque anni, questa amministrazione non solo ha definito problematiche pluridecennali,preludio all’attuazione nell’immediato e nel prossimo futuro, ma soprattutto fugato le ombre del passato”.Nel centrosinistra, invece, il segretario del PdVannio Brozzi è soddisfatto del risultato ottenuto, che “per la prima volta nella storia di Bastia ci consegna un sindaco non rieletto al primo turno, dissipando nell’amministrazione la certezza della vittoria.
Non nascondo – aggiunge sibillino -il mio personale stupore per il recupero del sindaco nei seggi del centro storico”.Debutto a due cifre per il Movimento 5 Stelle, il quale ottiene il 13,7%. Un traguardo che consente ai pentastellati di entrare in consiglio comunale e, soprattutto, di fare da ago della bilancia nella sfida del ballottaggio.A decidere la composizione del futuro consiglio comunale sarà l’esito del ballottaggio. Il vincitore tra Stefano Ansideri e Simona Carosati consentirà infatti alla sua coalizione di eleggere dieci consiglieri di maggioranza, mentre al vinto resteranno quattro consiglieri di minoranza,i quali si aggiungeranno ai due del Movimento 5 stelle (Marcello Rosignoli ed Elena Angeli). Secondo i conteggi effettuati dalle rispettive coalizioni,in caso di vittoria di Ansideri la maggioranza sarà così composta: 4 consiglieri per la lista Ansideri sindaco (Catia Degli Esposti, Roberto Roscini, Mauro Timi e Giulio Provvidenza), 3 per Bastia popolare (la consigliera più votata Fabrizia Renzini,Jacopo Cairoli e Francesco Fratellini), 2 per Forza Italia (Filiberto Franchi e Franco Possati), 1 per Fratelli d’Italia (Stefano Santoni).In caso di vittoria di Carosati, la maggioranza sarà invece così composta:8 consiglieri per il Partito democratico (Federica Moretti, Ramona Furiani,Mirko Casagrande, Gabriella Bonciarelli, Stefano Fanini, Pasquale Borgarelli, Gabriela Stangoni e Fabio Morini), 1 per Bastia per te!(Stefania Segatori) e 1 per La sinistra per Bastia (Amelia Rossi).Così nel 2009 Al ballottaggio brindò Stefano Ansideri (47,68%), che si sbarazzò di Antonio Criscuolo (43,9).

Lascia un commento