11.4 C
Bastia Umbra
1 Marzo 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Nazione

Scontri a Bastia, ricostruita la dinamica

La polizia avrebbe il quadro dei partecipanti alla rissa. Antonelli resta grave
I momenti-clou Gli scontri si sono verificati in occasione della partita di serie D tra Bastia e Foligno E’ rimasto  gravemente ferito il 47enne tifoso folignate Massimiliano Antonelli

I numeri Inizialmente la polizia aveva ‘contato’ una ventina di tifosi del Foligno e circa dieci del Bastia,ma gli indagati sarebbero in numero inferiore.Digos e commissariato sono ancora al lavoro.Molti gli identificati

PERUGIA —LE CARTE sono già in procura. Sul tavolo del pubblico ministero Gemma Miliani. La Digos e il commissariato di Assisi hanno ricostruito la dinamica degli scontro avvenuti domenica dopo la partita di serie D tra Bastia Umbra e Foligno, dove è rimasto gravemente ferito il 47enne folignate Massimiliano Antonelli. Si lavora su più nomi — circa una decina —, alcuni già identificati, che hanno preso parte alla rissa.
I REATI ipotizzati vanno quindi dalla rissa alle contestazioni proprie delle competizioni sportive, fino al più grave: lesioni nei confronti di Antonelli, ancora in prognosi riservata al «Santa Maria della Misericordia» dove ieri sera è stato sottoposto a Tac. Solo stamani i medici della Neurochirurgia e quelli della Rianimazione si incontreranno per decidere il da farsi. In base al raffronto delle Tac sarà possibile capire come evolve la situazione anche se in ambito ospedaliero viene sottolineato che la ‘stabilità’ del quadro clinico è segno di progresso.
SPETTERA’ ora al magistrato — al quale gli investigatori hanno fornito le immagini raccolte — decidere le mosse, mentre gli investigatori compiono ulteriori accertamenti. Probabilmente anche sul perché da pochi giorni non funzionava l’unica telecamera presente. Già domani potrebbe svolgersi la convalida — la richiesta al gip è stata depositata ieri — per il 47enne di Foligno sottoposto a fermo «ritardato», perché individuato con in mano un tubo per l’irrigazione. Il tifoso è difeso dall’avvocato Paolo Favini, la famiglia di Antonelli si è affidata all’avvocato Giovanni Picuti.
Eri.P.

Lascia un commento